Lunedì, 21 Giugno 2021
Economia

Fisco: dal 1° gennaio in arrivo 50 milioni di atti tra cartelle, accertamenti e ipoteche

Ma il governo potrebbe intervenire con un provvedimento in extremis

Foto di repertorio

Dopo la sospensione causa Covid, circa 50 milioni di atti fiscali saranno inviati ai contribuenti a partire dal 1° gennaio 2021. A meno che, com’è già avvenuto nel corso degli ultimi mesi, non intervenga una proroga a bloccare tutto. Ma andiamo con ordine. L’Ansa spiega l’Agenzia delle Entrate è in procinto di inviare “35 milioni tra atti di riscossione (cartelle, ipoteche, fermi amministrativi) sospesi nel 2020 ai quali si aggiungono quelli di inizio 2021” mentre sono “15 milioni gli accertamenti e le lettere di compliance”.

Ieri il senatore del M5s Danilo Toninelli ha però annunciato che l’intenzoione è quella di concedere una ulteriore proroga: “Avete visto che quest’anno sono state prorogate tutte le scadenze fiscali, non possiamo permettere che gli imprenditori debbano pagare non avendo lavorato. Con Patuanelli (ministro dello sviluppo economico, ndr) siamo dalle parte degli imprenditori”. Per adesso però nulla è stato deciso e a partire da lunedì prossimo gli atti rischiano di partire. Secondo l’Ansa l’esecutivo punterebbe punterebbe a una nuova rottamazione e al saldo e stralcio.

“Provvedimenti - scrive l’agenzia di stampa - che potrebbero arrivare a gennaio con un nuovo decreto Ristori. Nel frattempo si potrà comunque richiedere la rateizzazione”.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fisco: dal 1° gennaio in arrivo 50 milioni di atti tra cartelle, accertamenti e ipoteche

Today è in caricamento