Lunedì, 19 Aprile 2021

Fisco, brusco rientro dalle vacanze: oggi è il "lunedì nero" per molti italiani

Da oggi in arrivo circa 800 mila cartelle di pagamento. È già un ricordo la pausa agostana, durante la quale Agenzia delle entrate-riscossione aveva bloccato 798mila avvisi

La vacanza è finita. Anche per il Fisco. Da oggi sono in arrivo circa 800 mila cartelle di pagamento. È già un ricordo la pausa agostana, durante la quale Agenzia delle entrate-riscossione aveva bloccato la spedizione di 798mila cartelle di pagamento. La notifica degli atti riparte oggi. La pausa era stata decisa per evitare disagi nel recapito delle cartelle nel corso di settimane in cui molitissimi italiani non sono a casa per le vacanze estive.

Fisco, in arrivo 800mila cartelle di pagamento

Nel dettaglio si tratta di 492.885 atti tra cartelle e avvisi che arriveranno per posta e 305.726 da notificare attraverso la Pec (posta elettronica certificata), per un totale di 798.611 comunicazioni.A livello regionale al primo posto c'è la Lombardia in cui erano stati congelati 160.462 atti, seguita da Lazio (89.910), Toscana (79.322), Campania (77.658), Piemonte (64.774) e Veneto (53.972). Subito dopo la Puglia (52.752) e a seguire Sardegna (33.498), Calabria (31.757), Abruzzo (24.694), Friuli Venezia Giulia (23.034), Umbria (19.870), Emilia Romagna (19.585), Liguria (17.223), Marche (15.504), Basilicata (14.490), Trentino Alto Adige (10.110), Molise (5.166) e infine la Valle d'Aosta con 4.830 cartelle e avvisi.

Avvisi bonari Agenzia dell'Entrate: pausa fino al 4 settembre

La sospensione non aveva però riguardato circa 25 mila cartelle che erano a rischio prescrizione o che avrebbero causato danni immediati all'erario. 

C'è invece tempo fino al 4 settembre per il ritorno degli avvisi bonari dell’Agenzia delle Entrate: in quel caso difatti vale la sospensione di 30 giorni iniziata il 1 agosto. Calendario alla mano, chi dovrà ricevere comunicazioni di irregolarità a seguito di controlli automatici effettuati dal "cervellone" del Fisco sulle dichiarazioni dei redditi o Iva avrà ancora due settimane di "relax". Per tutti gli altri, da oggi lunedì 26 agosto, si intravede all'orizzonte l'attesa pioggia di avvisi e cartelle.

Entrate-Finanza, la collaborazione è intensa

Nel corso della pausa agostana sono state definite le istruzioni per le attività di prevenzione e contrasto all'evasione, consulenza, contenzioso e tutela del credito erariale. Con la circolare dell'Agenzia delle entrate di alcuni giorni fa sono state fornite le indicazioni operative agli uffici impegnati sul territorio, coerentemente con le linee strategiche 2019-2021 fissate nell'atto di indirizzo del ministero dell'Economia. Semplificazione degli adempimenti fiscali e impulso al contrasto all'evasione le due priorità, declinate in funzione delle diverse tipologie di contribuenti anche attraverso un coordinamento rafforzato tra strutture centrali e regionali, una intensa collaborazione con la Guardia di finanza e uno strutturato scambio di informazioni con le amministrazioni fiscali estere.

Sul fronte dei grandi contribuenti, gli uffici centrali intensificheranno il supporto alle direzioni regionali, mentre a queste ultime è richiesto di segnalare 'al centro' casi che possano innescare filoni di indagine su scala nazionale. Analisi del rischio tarate sulle caratteristiche del territorio per le piccole e medie imprese con le nuove unità organizzative istituite presso le strutture regionali, mentre prosegue l'attività di promozione della compliance con le lettere verso soggetti Iva e persone fisiche.

Le direzioni regionali sono concentrate sui contribuenti con volume d'affari, ricavi o compensi superiori a 100 milioni di euro che presentano un maggior rischio fiscale e non esprimono comportamenti collaborativi e trasparenti. La circolare fa focus sull'attività di tutoraggio (lo strumento che consente di diversificare le modalità di controllo in base ai risultati di specifiche analisi di rischio) e sui controlli, che saranno mirati a intercettare e a contrastare i fenomeni di pianificazione fiscale nazionale e internazionale aggressivi più complessi.

Italiani tartassati dal Fisco: paghiamo 552 euro in più (a testa) rispetto alla media europea

Agenzia delle Entrate, Fisco, Tasse, ANSA-2

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fisco, brusco rientro dalle vacanze: oggi è il "lunedì nero" per molti italiani

Today è in caricamento