Perché la flat tax potrebbe svantaggiare il Sud

Secondo lo Svimez, intervenuto durante un'audizione nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato impegnate nell'esame del Def, la 'tassa piatta' svantaggerebbe il Mezzogiorno, l'area con redditi più bassi

Foto di repertorio

Flat tax sì, flat tax no? La 'tassa piatta' sponsorizzata da Matteo Salvini è tra le riforme in discussione da cui sono scaturite più polemiche, insieme a quota 100 e reddito di cittadinanza. Ma se le ultime due non sembrano destinate a dare un impulso positivo all'economia italiana, la flat tax potrebbe avere anche degli effetti nefasti. L'allarme arriva dallo Svimez che, durante un'audizione nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato impegnate nell'esame del Def, ha spiegato come questa misura potrebbe "avere una ricaduta territoriale fortemente asimmetrica, a svantaggio del Mezzogiorno, l'area con redditi più bassi e dove una politica attiva di sviluppo dovrebbe cercare di attivare il maggior potenziale di crescita". 

Una flat tax delle famiglie, la "sparata elettorale" impossibile da realizzare

L'introduzione della tassa piatta, inoltre, "non appare in grado di corrispondere al necessario rilancio della domanda interna" nell'area con "i redditi più bassi e dove una politica attiva di sviluppo dovrebbe cercare di attivare il maggior potenziale di crescita".

Svimez: "Manca una strategia per il Sud"

"Il quadro di profonda incertezza pesa sul Mezzogiorno – continua - dove i margini di intervento delle politiche per la sostenibilità finanziaria appaiono assai ristretti, in assenza di un deciso rilancio degli investimenti, gli unici capaci di attivare un moltiplicatore in grado di accelerare il tasso di crescita. Colpisce, in questo quadro, la mancanza di una strategia specifica per il Mezzogiorno"

Il quadro economico contenuto nel Documento di economia e finanza "purtroppo conferma i rischi che già in autunno" erano stati lanciati dall'associazione di "grande frenata del Mezzogiorno". Il consuntivo del 2018 determina un rallentamento "molto più accentuato nel Sud. E il 2019 inizia assai più in salita nel Mezzogiorno, rispetto al resto del Paese".

Flat tax, la nostra intervista all'ideatore della "tassa piatta" italiana

Le previsioni programmatiche sono: nel sud -0,06 di Pil, nel Centro-Nord +0,27. Nello scenario attuale, secondo l'associazione, "solo un massiccio rilancio degli investimenti pubblici, soprattutto nel Mezzogiorno, può attivare un moltiplicatore del tasso di sviluppo in grado di garantire la sostenibilità del quadro finanziario nazionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

  • Coronavirus, medico muore a 61 anni. L'ultimo post su fb: "Non uscite, è l'unica arma che avete"

Torna su
Today è in caricamento