Mercoledì, 4 Agosto 2021
Economia

Finalmente si cresce, il Fmi alza le stime del Pil per l'Italia: +1,3% nel 2017

"Ripresa economica meglio del previsto". Rallentano, invece, Stati Uniti e Gran Bretagna. Ecco le nuove previsioni del Fondo monetario internazionale

Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al rialzo le stime della crescita economica dell’Italia, in uno scenario che vede migliorare le prospettive dei maggiori Paesi dell’Eurozona e, per converso, peggiorare quelle degli Stati Uniti. L’istituzione di Washington ha rivisto al rialzo il Pil tricolore per il 2017 portandolo a +1,3% e quello del 2018 a +1%, con un incremento rispettivamente di cinque decimi di punto e due decimi di punto rispetto alle previsioni stilate ad aprile.

Non è questa, tuttavia, l’unica novità contenuta nel World Economic Outlook presentato in queste ore a Kuala Lumpur in Malesia. In miglioramento anche le prospettive della Francia, che nel biennio crescerà rispettivamente dell’1,5% e dell’1,7% (+0,1 in entrambi i casi), della Germania, accreditata di un +1,8% (+0,2) e di un +1,6% (+0,1) e della Spagna, al galoppo con il +3,1% (+0,5) e al 2,4 (+0,3). In peggioramento le prospettive dell’economia Usa con un Pil che viene visto al +2,1% in entrambi gli anni con un taglio delle stime rispettivamente di 2 e 4 decimi di punto rispetto ad aprile.

La crescita globale viene vista dal Fondo Monetario stabile al +3,5% e al +3,6%, senza variazioni rispetto alle precedenti previsioni.

“Le previsioni immutate di crescita globale – si legge nel rapporto – mascerano contributi in qualche modo differenti a livello di Paesi. Le previsioni di crescita degli usa sono più basse rispetto a quelle di aprile, riflettendo in questo modo principalmente l’ipotesi che la politica di bilancio andando avanti sarà meno espansiva di quanto previsto originariamente. La crescita è stata rivista al rialzo in Giappone (ora al +1,3% e al +0,6%) e specialmente nell’area euro, dove le sorprese positive dell’attività economica nella fine del 2016 e all’inizio del 2017 puntano nella direzione di una solida spinta”.

In rialzo anche le previsioni della Cina (ora al +6,7% e al +6,45 grazie a un vigoroso primo trimestre del 2017 e alle aspettative della prosecusione di sostegni fiscali. L’inflazione nei Paesi avanzati resta “sotto tono e generalmente al di sotto degli obiettivi” mentre sta calando in alcuni Paesi emergenti come Brasile, India e Russia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finalmente si cresce, il Fmi alza le stime del Pil per l'Italia: +1,3% nel 2017

Today è in caricamento