rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
ECONOMIA

Foodora dice addio all'Italia (e non solo): "Il mercato è difficile"

Con un comunicato l'azienda di food delivery ha annunciato di cercare nuovi acquirenti per il marchio. Ma per ora il servizio continuerà ad essere regolarmente operativo

Foodora è in vendita in Italia. La società tedesca Delivery Hero, che possiede il marchio dell’azienda di food delivery, ha annunciato con un comunicato di voler lasciare il nostro Paese – ma non solo: anche la Francia, l’Olanda e l’Australia – per puntare su mercati in maggiore crescita. La decisione di vendere non sarebbe dunque una diretta conseguenza delle nuove norme contrattuali per i rider, ma determinata da diversi fattori quali un mercato (quello del food delivery) ancora limitato e una concorrenza molto agguerrita.

Il co-fondatore di Foodora, Emanuel Pallua, ha fatto sapere in un comunicato che la strategia di di Delivery Hero"“è quella di operare in modo economicamente efficiente, con focus su crescita e posizione di leadership in tutti i mercati in cui opera", ma "in Italia questo obiettivo è ora difficile da raggiungere con investimenti ragionevoli".

Delivery Hero ha scelto dunque di puntare sul mercato di casa, quello tedesco, dove aumenterà gli investimenti per battere la concorrenza della società olandese takeaway.com.

Va sottolineato comunque che se in Australia il servizio di consegne a domicilio cesserà già dal 20 agosto, in Italia, Francia e Olanda le consegne continueranno regolarmente, almeno fino a che non verranno trovati nuovi acquirenti.

I fattorini continueranno a lavorare

Il Corriere della Sera scrive che la vendita non riguarderebbe il marchio, ma soltanto la base clienti e i contratti con i ristoranti. I fattorini in rosa dunque continueranno a fare il loro lavoro, almeno fino a quando non si paleserà un nuovo acquirente.

"Siamo consapevoli dei risultati raggiunti finora in Italia  - si legge ancora nella nota - e questo annuncio non ha conseguenze sul servizio e sulle modalità con cui operiamo. La nostra piattaforma, il servizio dei ristoranti e i riders sono operativi come sempre. La nostra principale priorità è assicurare un futuro di successo anche con una nuova proprietà".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foodora dice addio all'Italia (e non solo): "Il mercato è difficile"

Today è in caricamento