Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia

Gomme auto: produzione in crescita, ecco i dati

Il 2015 si è chiuso con buone notizie per il mercato delle gomme auto, con una crescita generale delle vendite grazie soprattutto alle novità di produzione. E proprio in ambito di innovazioni, da Bridgestone arriva lo pneumatico che non si sgonfia

La crisi sembra essere alle spalle. Almeno, è questo quello che raccontano i bilanci della European Tyre and Rubber Manufacturers Association, che a fine anno ha pubblicato il consueto documento per analizzare le performance del settore pneumatici in Europa. Ebbene, le vendite nel corso dello scorso anno da parte dei membri di questa associazione – e cioè, alcune delle principali case produttrici di gomme, come Bridgestone, Michelin, Goodyear Dunlop, Pirelli, Continental Nokian Tyres, Hankook, Brisa, Cooper Tire, Apollo Vredestein, Marangoni, Trelleborg e Mitas, che rappresentano il 20 per cento della produzione mondiale del settore – sono salite del 6 per cento a livello medio per quanto riguarda il comparto delle auto.

Dati in controluce. Analizzando in dettaglio le performance registrate dall’Etrma, non tutti gli indicatori fanno però ben sperare: è vero infatti che è aumentata la produzione assoluta, che è tornata sui livelli standard pre-2001 (ovvero, prima del crollo causato dalla crisi), raggiungendo quota 4,8 milioni di tonnellate (ad esempio, nel 2013 il dato si era fermato a 4,67 milioni di tonnellate), ma allo stesso tempo sono diminuiti il fatturato globale, che è sceso a 72,408 miliardi di euro (nel 2013 era arrivato a 73,851 miliardi), e anche il numero di addetti impiegati in questo settore (-1 per cento tra i dati di fine 2013 e 2014), che ora sono in totale 350mila.

Numeri crudi. Con il supporto dei tecnici di Euroimportpneumatici, il sito specializzato nel mondo dei “pneumatici auto”, abbiamo approfondito le performance nei vari segmenti del mercato, scoprendo così che per le gomme auto l’anno ha avuto una chiusura particolarmente positiva, visto che i bilanci hanno assistito a una crescita del 6 per cento, nonostante oscillazioni durante le varie stagioni e un calo del -2 per cento nel periodo estivo. Dal punto di vista delle tipologie, invece, a trainare le vendite sono sempre le gomme estive (più 5 per cento), mentre frenano quelle invernali (calo del 4 per cento su base annua), anche perché sempre più automobilisti cercano la soluzione più “comoda”, ovvero gli pneumatici all season che sempre più marche stanno sviluppando.

Le innovazioni. Nokian Weatherproof, Goodyear Vector 4 Seasons Gen2, Michelin CrossClimate e Pirelli Cinturato All Season sono solo alcuni dei modelli che hanno conquistato il cuore degli automobilisti nell’ultimo anno, grazie a prestazioni affidabili in ogni condizione di clima e fondo stradale. Ma le aziende produttrici di gomme auto hanno indirizzato i loro sforzi anche sullo sviluppo di nuove mescole, più “ecocompatibili”, e nella ricerca di materiali a ridotto impatto ambientale, anche con l’obiettivo di facilitare lo smaltimento dello pneumatico alla fine del suo ciclo di vita. Da citare anche tre modelli “concept”, e quindi non ancora sul mercato, che promettono di rivoluzionare l’esperienza alla guida grazie alla tecnologia air free, ossia senza camera d’aria: l’iFlex di Hankook non deve essere gonfiato, il Maxplo di Kumho si adatta anche alle diverse condizioni del meteo, e infine il sistema Goodyear Air Maintenance Technology mantiene costante la pressione di gonfiaggio.

L’ultima idea. Il 2016 si è invece aperto con la presentazione ufficiale della gomma Bridgestone DriveGuard (disponibile in commercio a partire da marzo), studiata per non sgonfiarsi in caso di foratura e adattabile a ogni tipologia di vettura, al contrario di quanto avviene con i tradizionali modelli runflat, da montare solo su auto predisposte all’origine. Tra le altre caratteristiche innovative, lo pneumatico vanta una maggior leggerezza grazie alla mescola Nano Pro-Tech, ma allo stesso tempo anche fianchi delle spalle laterali rinforzati con la tecnologia “Cooling Fin”: risultato promesso, percorrenza senza danni per oltre 80 km, se l’auto viaggia a una velocità non superiore agli 80 km/h.

               pneumatici auto-2bridgestone driveguard-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gomme auto: produzione in crescita, ecco i dati

Today è in caricamento