Domenica, 17 Ottobre 2021
Economia

In Danimarca 25 euro l'ora, da noi solo 12: ecco dove i lavoratori vengono pagati meglio

La classifica dei salari in Europa. L'Italia non solo è sotto la media europea con 12,49 euro, ma registra anche un trend di diminuzione dei salari, nonostante l'aumento della produttività

Da EuropaToday - L'Italia non è il paradiso dei lavoratori. Secondo i dati Eurostat, il Paese europeo in cui i dipendenti sono più 'ricchi' è la Danimarca, dove il guadagno orario medio lordo in euro è di 25,5 euro, seguita da Irlanda (20,16), Svezia (18,46), Lussemburgo (18,38), Belgio (17,32) e Finlandia (17,24). Il centro e l'est dell'Europa sono invece i paradisi delle aziende, che possono pagare i propri lavoratori con stipendi a dir poco irrisori. I guadagni lordi medi più bassi si registrano in Bulgaria dove sono di appena 1,67 euro, il prezzo di un caffè. Ci sono poi la Romania con 2,03 euro, Lituania (3,11), Lettonia (3,35) e Ungheria (3,59). In pratica negli Stati membri più ricchi gli stipendi medi sono 15 volte superiori a quelli dei Paesi più poveri. L'Italia è lontana da entrambi questi estremi e si piazza vicino alla media comunitaria, anche se purtroppo al di sotto. Mentre nell'Europa a 28 lo stipendio medio lordo orario è di 13,14 euro nello Stivale è di 12,49.

Niente tasse, mare e prezzi ridicoli: "Il paradiso è a due ore dall'Italia" 

In una classifica del genere si deve tenere conto anche del costo della vita, ma se guardiamo i salari nell'Unione europea ci rendiamo conto che le differenze tra gli Stati membri sono davvero impressionanti. All'interno degli stessi Paesi membri poi ci sono differenze retributive che mostrano il volume delle ingiustizie sociali presenti nel Continente. Il quadro di queste statistiche ci viene fornito dalle percentuali dei lavoratori a 'bassa retribuzione', quei lavoratori dipendenti le cui retribuzioni sono pari o inferiori ai due terzi delle retribuzioni orarie lorde mediane nazionali. Nel 2014 rientrava in questa categoria il 17,2% dei dipendenti europei mentre la percentuale riferita alla zona euro è del 15,9%. A livello nazionale le percentuali di questi lavoratori più poveri si registrano in Lettonia (25,5%), Romania (24,4%), Lituania (24,0%) e Polonia (23,6%), seguite da Estonia (22,8%), Germania (22,5%), Irlanda (21,6%) e Regno Unito (21,3%). Per contro, rientrava in questa categoria una percentuale inferiore al 10% dei lavoratori di Svezia (2,6%), Belgio (3,8%), Finlandia (5,3%), Danimarca (8,6%), Francia (8,8%) e anche l'Italia (9,4%).

Poche tasse, benzina a 1 euro e mare cristallino: gli italiani emigrano a Lanzarote 

Nel nostro Paese si registra però un trend negativo, con i salari che si mostrano in diminuzione. Nel 2017 sono diminuiti mediamente dello 0,9% a fronte di un aumento della produttività dello 0,4%. Trend opposto invece in altri Paesi: in Germania nel 2017 i salari sono cresciuti dello 0,6%, la produttività dello 0,7%. L'Italia ha anche il triste primato nella Ue del maggior tasso di Neet, giovani tra i 15 e i 24 anni che non studiano né lavorano, pari al 19,9% nel 2016. La media Ue in questa fascia di età è dell'11,6%. Dietro di noi ci sono Bulgaria (18,2%) e Romania (17,4%). La percentuale di Neet in Italia nel 2016 supera addirittura il 32% per la fascia di età tra i 25 e i 29 anni.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Danimarca 25 euro l'ora, da noi solo 12: ecco dove i lavoratori vengono pagati meglio

Today è in caricamento