Incubo microtasse nella manovra: chi pagherebbe cara la stangata

L'avvertimento di Federconsumatori al governo Pd-M5s: "Piuttosto che agire d'urgenza, inventando nuove tasse che in alcuni casi possono rivelarsi estremamente dannose, perché colpiscono le fasce più deboli della popolazione, sarebbe necessaria ed urgente una sistematica e complessiva rivisitazione della tassazione e delle accise"

In vista della prossima manovra, no a microtasse o interventi d'urgenza tagliando le agevolazioni ai carburanti inquinanti, in primis il gasolio, o si rischiano ricadute sui cittadini. E' quanto chiede con forza (e argomentando le ragioni) Federconsumatori. "Per aiutare i cittadini, sollevandoli dell'aggravio che l'Osservatorio nazionale Federconsumatori ha stimato in +831,27 euro annui a famiglia per l'aumento dell'Iva, si colpiranno le famiglie sotto altra forma", afferma l'associazione dei consumatori.

Se da un lato "sono anche condivisibili gli intenti di ridurre le emissioni inquinanti o combattere l'obesità inducendo i cittadini a consumare meno merendine e bibite gassate, non è certo questa una strada costruttiva per raggiungere tali obiettivi. Per incrementare l'utilizzo di carburanti ecologici è necessario disporre degli appositi incentivi, così come ha garantito il Ministro Costa: ridurre le agevolazioni sulle accise per il gasolio avrebbe l'unico effetto di determinare un incremento dei beni a largo consumo che, non lo dimentichiamo, sono trasportati per l'86% su gomma".

Federconsumatori: no tassa su bibite o merendine

Secco no anche all'idea della tassa sulle bibite o sulle merendine: per ridurre i rischi legati all'obesità ed all'eccessivo consumo di zuccheri serve "un intervento efficace dovrebbe partire dall'educazione nelle scuole e dall'avvio di campagne mirate destinate agli adulti, che sono i maggiori consumatori di merendine in Italia. Inoltre rimarrebbe ''tax free'' il consumo di molti alimenti poco salutari, creando una inspiegabile disparità ed inducendo i cittadini a credere che siano meno dannosi".

"Improponibile" infine per Federconsumatori, l'ulteriore tassa sui biglietti aerei, già gravati da un'elevata tassazione, tra le più alte d'Europa. "Piuttosto che agire d'urgenza, inventando nuove tasse che in alcuni casi possono rivelarsi estremamente dannose, perché colpiscono le fasce più deboli della popolazione, sarebbe necessaria ed urgente una sistematica e complessiva rivisitazione della tassazione e delle accise, ivi compresi gli insopportabili oneri di sistema sulle bollette che pesano sempre di più sulla spesa delle famiglie per l'energia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Italiani "a carico": il 49,29% non paga tasse perché dichiara di essere troppo povero 

conte gualtieri ansa-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 19 maggio 2020

  • Si allontana la data del "contagio zero": le nuove stime, regione per regione

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Benzina e diesel, brutte notizie al distributore per gli automobilisti

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

Torna su
Today è in caricamento