rotate-mobile
Domenica, 1 Ottobre 2023
Economia

Rossetti: "Open Fiber asset strategico per digitalizzare il Paese"

"Abbiamo davanti anni importanti di lavoro ma il punto chiave è definire la strategia sulla quale puntare per realizzare una vera digitalizzazione del Paese. La rete in fibra ottica consente di risparmiare l'80% dell'energia e ha performance elevatissime", ha sottolineato in un'intervista

La rete Open Fiber è un "asset strategico" per la digitalizzazione dell'Italia. L'ha affermato l'amministratore delegato Mario Rossetti, amministratore delegato della compagnia in un'intervista pubblicata nelle scorse ore dal Sole 24 Ore. "Open Fiber con quasi 14 milioni di unità immobiliari coperte in Ftth e circa 115mila chilometri realizzati, ha la rete d'accesso in fibra ottica più estesa d'Italia e tra le principali in Europa. Circa il 65% dei clienti Ftth in Italia naviga sulla nostra infrastruttura. Quindi parliamo di un asset strategico imprescindibile per qualsiasi ragionamento sulla digitalizzazione del Paese", ha detto Rossetti.

L'amministratore delegato ha affermato, per quanto riguarda le aree bianche nell'ambito del piano BUL, che oggi si viaggia su un ritmo di realizzazione di "50 chilometri al giorno" di banda ultralarga. Quindi ha confermato che entro il 2024 il progetto sarà completato. Rossetti ha, inoltre, voluto segnalare come il tema dell'adozione della fibra ottica è centrale in una fase in cui la questione del risparmio energetico e dell'upgrade tecnologico dell'infrastruttura sono fondamentali: "Abbiamo davanti anni importanti di lavoro ma il punto chiave è definire la strategia sulla quale puntare per realizzare una vera digitalizzazione del Paese. La rete in fibra ottica consente di risparmiare l'80% dell'energia e ha performance elevatissime: vogliamo restare su tecnologie vecchie che prima o poi dovranno essere abbandonate o vogliamo programmare adesso una migrazione, che richiede tempi lunghi, a tecnologie a prova di futuro?".

Il punto da cui partire sta nel fatto che "Open Fiber con quasi 14 milioni di unità immobiliari coperte in Ftth e circa 115mila chilometri realizzati, a la rete d'accesso in fibra ottica più estesa d'Italia e tra le principali in Europa. Circa il 65% dei clienti Ftth in Italia naviga sulla nostra infrastruttura. Quindi parliamo di un asset strategico imprescindibile per qualsiasi ragionamento sulla digitalizzazione del Paese".

Rossetti sottolinea che "sulle aree bianche abbiamo ereditato ritardi importanti dalla gestione precedente. Il piano andava chiuso al 2020, ma al 31 dicembre 2021 l'avanzamento era al 42 per cento. Oggi stiamo realizzando 20mila chilometri l'anno di infrastruttura, 50 chilometri al giorno sulle aree bianche. Se la società avesse lavorato sempre con questa velocità il progetto Banda ultralarga, da 90mila chilometri, sarebbe già finito. Negli ultimi 19 mesi abbiamo realizzato più di 30mila chilometri. Nei 48 mesi fra 2017 e 2021 ne erano sono stati costruiti 37.500. Oggi siamo al 76% di avanzamento. Il che vuol dire che confermiamo al 2024 il termine dei lavori".

E ancora: "Abbiamo abilitato la consuntivazione di oltre 350 milioni di fondi europei entro la fine dell'anno sui Comuni finanziati con fondi Fesr nelle aree bianche. Che altrimenti sarebbero andati persi. Una volta che la rete è finita e funzionate c'è un processo amministrativo per il collaudo che richiede tempo, questo spiega il numero più alto delle unità immobiliari in vendibilità rispetto a quelle collaudate". Va poi considerato un altro tema: "abbiamo dovuto costruire circa 14mila chilometri in più di quanto fosse previsto al momento della gara. Lo si è stabilito dall'analisi approfondita dei dati, come la densità abitativa. Quindi parliamo di tempi più lunghi ed extracosti per quasi 600 milioni. Abbiamo aperto un tavolo con il Governo, con il Mimit, per il riequilibrio del Piano economico finanziario. Parliamo di oltre 850 milioni. Una cifra rilevante. Contiamo che si arrivi a chiudere il cerchio entro la fine dell'anno".

Per Rossetti il modello wholesale only può funzionare: "ha senso soprattutto in un momento in cui il settore ha tutto l'interesse a evitare duplicazioni di investimenti. Il tema è piuttosto un altro: l'adozione della fibra ottica. Abbiamo davanti anni importanti di lavoro ma il punto chiave è definire la strategia sulla quale puntare per realizzare una vera digitalizzazione del Paese. La rete in fibra ottica consente di risparmiare l'80% dell'energia e ha performance elevatissime". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rossetti: "Open Fiber asset strategico per digitalizzare il Paese"

Today è in caricamento