Sabato, 6 Marzo 2021
Germania

"Italien raus", la Germania rimpatrierà chi è senza lavoro? Lo stabilisce una legge

Centinaia di cittadini hanno ricevuto un invito a "regolarizzare" la propria posizione nei centri per l'impiego tedeschi sulla base di una legge entrata in vigore nel 2017 che consente il rimpatrio anche per i cittadini dell'Unione Europea

Il cancelliere tedesco Angela Merkel. FOTO EPA/MARC MUELLER

Nella comunità dei cittadini europei, anche italiani, che vivono in Germania da meno di cinque anni e non hanno un lavoro, serpeggia l'incubo espulsione.

Secondo quanto riferisce Radio Colonia, in Germania vige una legge risalente al 2017 che stabilisce il diritto dello stato tedesco ad espellere coloro che, anche se sono cittadini dell'Unione Europea, vivono in Germania da meno di un quinquennio, non lavorano e percepiscono sussidi sociali. Secondo Radio Colonia diversi "sono i casi di italiani che si sono visti recapitare lettere, da parte dei Jobcenter o degli Uffici Stranieri dei comuni dove risiedono, nelle quali si prospetta un possibile allontanamento dalla Germania. Vengono dati quindici giorni di tempo per chiarire la propria posizione".

La legge sulla base della quale può agire lo stato tedesco è la BGBl. I S. 2780 che nel 2017 ha ridefinito la regolamentazione del diritto alla libera circolazione sul territorio federale tedesco per i cittadini Ue.

Saranno rimpatriati gli italiani che vivono in Germania?

Radio Colonia, poi, arricchisce la notizia portando la testimonianza di una donna italiana arrivata in Germania nel 2013, che ha smesso di lavorare dopo essere rimasta incinta e che ha chiesto il sussidio sociale:

"Mi hanno comunicato che avevo quindici giorni di tempo, visto che non potevo provvedere a me stessa, per trovare un lavoro: altrimenti mi avrebbero rimpatriato e avrebbero pure pagato il viaggio a me e alle bambine, se non fossi stata in grado di poterlo pagare io".

Secondo Radio Colonia, sono almeno un centinaio gli italiani che hanno ricevuto la stessa comunicazione, soprattutto nel Nord Reno-Westfalia.

Il sottosegretario agli Esteri Merli: "Merkel colpisce diretti fondamentali"

"A questo punto chi è che difende davvero l'Unione Europea? Chi lavora per proteggerne i confini o chi starebbe preparandosi a cacciare dal proprio Paese cittadini europei?", così su Twitter il sottosegretario agli Esteri con delega per gli italiani all'estero Ricardo Merlo attaccando la Germania e la possibilità di rimpatri per i cittadini europei.

"Italia sotto accusa perché difende Europa da #immigrati, Merkel starebbe colpendo un diritto fondamentale di tutti i cittadini dell`Unione"

Quando i migranti siamo noi: in 5 anni all'estero 500mila giovani e 3 su 10 potrebbero farlo a breve

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Italien raus", la Germania rimpatrierà chi è senza lavoro? Lo stabilisce una legge

Today è in caricamento