Martedì, 2 Marzo 2021

Just Eat dal 2021 assumerà i rider con il modello ''Scoober''

Dal prossimo anno il gigante del delivery assumerà i fattorini come lavoratori dipendenti, introducendo in Italia questo nuovo modello, già utilizzato all'estero e in linea con la normativa italiana

Un rider Just Eat

Buone notizie per i rider, o almeno per quelli di Just Eat. Il colosso del delivery ha annunciato che dal 2021 i fattorini verranno assunti anche in Italia come lavoratori dipendenti: avranno una paga oraria, e non a consegna, e tutte le tutele legate al rapporto di lavoro subordinato. 

Just Eat assume i rider: cos'è il modello ''Scoober''

Mentre nel nostro Paese i rider combattono e scioperano per ottenere condizioni eque, Just Eat introdurrà il cosiddetto modello ''Scoober'', giù utilizzato in altri Paesi, che inquadra i rider come lavoratori dipendenti, consentendo loro di avere più vantaggi e tutele e conservando la flessibilità e la possibilità di operare combinando studio e altre attività. Addio cottimo: la paga sarà su base oraria, ma si pensa ad introdurre degli ulteriori bonus per ogni singola consegna. Il modello ''Scoober'' è un contratto basato sulle linee guida internazionali di un accordo aziendale, adattate e in linea con la normativa e la legislazione italiana: potrà essere part-time o full-time o con una paga oraria.

"Pensiamo sia un valore aggiunto avere rider che consegnino con noi come dipendenti e, soprattutto, completamente tutelati del punto di vista contrattuale - ha dichiarato Daniele Contini, Country Manager di Just Eat in Italia - Siamo contenti di introdurre nel 2021, anche in Italia, il modello Scoober in linea con la strategia del Gruppo e con la nostra volontà di investire sempre di più sul mercato con una nuova soluzione che permetterà ai rider di operare in qualità di lavoratori dipendenti - commenta Daniele Contini, country manager di Just Eat Italia. Crediamo infatti che, dopo i passi avanti già fatti nei mesi scorsi, sia giunto il momento di proseguire con il nostro impegno nel fornire tutele e protezioni ai lavoratori della gig economy. Questo approccio consente a Just Eat di fornire un servizio e un'esperienza utente migliori sia per i nostri consumatori, sia per i ristoranti partner che per i rider stessi''.

Just Eat, rider tutelati e assicurati

Just Eat ha spiegato in una nota che tutti i rider "Scoober" saranno lavoratori dipendenti e quindi completamente tutelati e assicurati. Ci saranno alcune differenze tra grandi città e piccoli centri. Nel caso delle prime, come ad esempio Roma e Milano, verranno istituiti degli hub a copertura del cuore della città, ove per i rider sarà possibile ritirare e utilizzare, per il proprio turno di lavoro, solo mezzi totalmente sostenibili come scooter elettrici o e-bike di Just Eat, gli strumenti per le consegne come casco, giacca e zaino. A questi verranno affiancati anche dei rider che lavorano con mezzi propri, soprattutto per quanto riguarda le aree lontane dal centro. Nelle città più piccole i rider potranno invece utilizzare il proprio mezzo di trasporto, con Just Eat che provvederà a rifornire i lavoratori di dispositivi di sicurezza e degli indumenti brandizzati. 

"Come leader di mercato del digital food delivery - prosegue la nota -, Just Eat vuole infatti offrire ai rider le migliori condizioni di lavoro, i migliori vantaggi e tutele possibili, e assicurare loro il miglior inquadramento occupazionale che può offrire al momento il panorama italiano. Un nuovo modello che punta a migliorare le tutele dei rider, contribuendo anche a garantire un miglior servizio e maggior valore a clienti e ristoranti". Il progetto prenderà il via nei primi mesi del prossimo anno, con quello che sembra un primo passo per i rider verso un lavoro finalmente tutelato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Just Eat dal 2021 assumerà i rider con il modello ''Scoober''

Today è in caricamento