Giovedì, 18 Luglio 2024
Economia

Lavoro, più nero che mai: su 180mila controlli il 65% è irregolare

E' stato pubblicato l'ultimo rapporto dell'Ispettorato nazionale del lavoro, Poletti: “Rafforzare la vigilanza”

Caporalato, lavoro nero, cooperative false, logistica tirocini e distacco transnazionale: sono questi alcuni dei settori prioritari di intervento per l’attività di vigilanza in materia di lavoro e previdenziale-assicurativa che verrà svolta nel 2018 dall’ispettorato nazionale del lavoro, con la finalità di potenziare il contrasto dei fenomeni del lavoro sommerso ed irregolare e la lotta all’evasione ed elusione contributiva. 

Crisi e opportunismo: così il lavoro nero si è preso l'Italia

Il documento di programmazione dell’attività è stato illustrato dal capo dell’ispettorato, Paolo Pennesi, nel corso della riunione della commissione centrale di coordinamento dell’attività di vigilanza che si è tenuta questa mattina alla presenza del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti

Schermata 2018-02-08 alle 16.21.50-2

Rapporto annuale dell'Istituto Nazionale del Lavoro: il documento completo 

“Sulla scorta dei risultati del primo anno di attività dell’ispettorato – ha detto Poletti – dobbiamo ulteriormente qualificarne l’attività di vigilanza, anche attraverso un rafforzamento della capacità di intervento: per questo ci siamo attivati, in linea con quanto previsto in legge di bilancio in tema di lavoro nella pubblica amministrazione, per richiedere l’assunzione di 150 nuovi ispettori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, più nero che mai: su 180mila controlli il 65% è irregolare
Today è in caricamento