Lunedì, 26 Luglio 2021
Economia

In Italia vince il precariato: record storico di contratti a termine

Secondo gli ultimi dati Istat gli occupati con 'data di scadenza' sfiorano i 2,8 milioni: un boom mai registrato dall'inizio della serie storica

Foto di repertorio

Il precariato continua a 'tenere banco' in Italia. Secondo gli ultimi dati diffusi dall'Istat, nel terzo trimestre del 2017 i contratti a termine hanno sfiorato la quota 2,8 milioni (2,784 per la precisione). Una 'vetta' mai raggiunta dall'inizio della serie storica, nel 1992.

L’aumento congiunturale degli occupati con data di scadenza è stato del 3,9%. Nel complesso, il tasso di disoccupazione, dopo due cali consecutivi, nel terzo trimestre rimane stabile all’11,2% rispetto al trimestre precedente. Il tasso di inattività scende al 34,4% (-0,2 punti) in tre mesi.

Sempre nel terzo trimestre, l’occupazione stimata al netto degli effetti stagionali, è pari a 23 milioni 74 mila persone, in aumento di 79 mila unità (+0,3%) rispetto al trimestre precedente. Il tasso di occupazione sale al 58,1% (+0,2 punti percentuali); l’incremento è più accentuato per i 15-34enni (+0,3 punti) in confronto ai 50-64enni e ai 35-49enni (+0,2 e +0,1 punti, rispettivamente).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Italia vince il precariato: record storico di contratti a termine

Today è in caricamento