Domenica, 28 Febbraio 2021
CONSIGLI UTILI

Come gestire i conflitti sul lavoro

Le cause delle incomprensioni e come gestire queste situazioni

Spesso è inevitabile che, sul posto di lavoro, nascano conflitti tra colleghi o tra dirigenti. Le cause che possono far scaturire queste incomprensioni e discussioni sono varie e differenti. Una delle cose più importanti è imparare a gestire al meglio queste particolari situazioni, soprattutto quando parliamo di lavoro e di professionalità.

I conflitti sul posto di lavoro

Le ore trascorse all’interno del posto di lavoro sono molte a contatto con colleghi, dirigenti, clienti e tanti altri. Se da una parte lavorare è molto importante, perché ti permette di metterti in gioco, di renderti utile, di mettere le tue conoscenze al servizio degli altri, dall’altra a volte nascono, sul posto di lavoro, diverse incomprensioni. Infatti, in molti casi è inevitabile che si vengano a creare dei veri e propri conflitti. Le cause possono essere svariate, dalle più banali alle più importanti. Il fatto è che, fondamentalmente, siamo persone differenti, con diversi modi di vedere, di concepire la realtà e di pensare. Inevitabilmente sul posto di lavoro capita di scontrarsi con qualcuno che ha un punto di vista diverso, così nascono discussioni, incomprensioni, che possono sfociare in vere e proprie divergenze. Il datore di lavoro ha il compito di risolvere tali conflitti riportando calma e serenità tra i colleghi. 

Non si possono evitare i conflitti

Proprio perché il mondo del lavoro è così enorme e svariato, non è possibile evitare le discussioni ed i conflitti. Secondo alcune scuole di pensiero questi aiutano a crescere, rappresentano uno stimolo per i dipendenti. In ogni modo, il punto principale su cui focalizzarti è quello di imparare a gestire al meglio eventuali incomprensioni e diverbi che possono sorgere sul posto di lavoro. Scappare non serve a nulla, perché è sempre bene esprimere e sostenere il proprio punto di vista, le proprie idee ma bisogna farlo al meglio e nel rispetto degli altri. Sarebbe molto meglio arrivare a dei confronti più che a scontri. Ecco alcune strategie che ti potranno aiutare a gestire i conflitti sul posto di lavoro.

Inquadra la situazione

Partendo dal presupposto ogni conflitto ha una diversa natura, per poterlo gestire al meglio è importante inquadrare la situazione e i motivi per cui è scaturito. Ricorda che non tutti i mali vengono per nuocere e che ci sono degli scontri costruttivi ed altri distruttivi. In un conflitto costruttivo il contrasto riguarda i contenuti, dunque le critiche non sono mai riferite alla persona ma al concetto, alle idee. In questo caso si può arrivare ad un compromesso, attraverso un utile ed essenziale confronto tra le parti che sono aperte al dialogo e pronte a mettersi in discussione. I conflitti distruttivi sono quelli in cui si punta alla persona, a demoralizzarla, a colpirla e distruggerla anche sul punto di vista personale. In questo caso predomina un atteggiamento di chiusura e di sfida personale che non porta a nulla di buono. 

Impara ad ascoltare e scendi dal piedistallo

Anche se sei convinto della validità delle tue idee, per gestire una situazione conflittuale  devi mettere da parte l’orgoglio e scendere dal piedistallo. Mettiti in discussione e confrontati con gli altri. Per fare questo devi imparare ad ascoltare i colleghi, dando loro lo spazio che meritano.  Presta attenzione al loro punto di vista e confrontalo con il tuo modo di vedere le cose. L’atteggiamento aperto alla comunicazione è quello che ti consentirà di gestire eventuali discussioni sul lavoro in maniera davvero professionale e matura. 

Diventa imparziale

Per gestire al meglio delle situazioni di conflitto tra colleghi, bisogna avere una posizione neutra ed imparziale. Ecco perché spesso a risolvere la situazione sono terze persone, non interessate direttamente alla questione. Essere un mediatore aiuterà nella risoluzione di svariate problematiche sul posto di lavoro. Impara ad assumere un corretto atteggiamento imparziale, senza andare a giudicare o ancor peggio a criticare gli altri. Devi cercare di metterti nei panni dei tuoi colleghi in lotta tra di loro, per capire le emozioni che stanno sentendo e vivendo in quel momento. Questa tecnica ti consentirà di comprendere al meglio la situazione che hai davanti e gestirla nel miglior modo possibile. Una volta individuati i punti di attrito che hanno dato vita al diverbio, potrai mediare al meglio, cercando di risolvere la delicata situazione. 

Cerca di trovare dei punti di accordo

In qualsiasi tipologia di conflitto non si esce vincenti se non si trovano dei punti di congiunzione tra le parti. Per fare questo bisogna focalizzarsi sui punti in comune. Questi metteranno in secondo piano i punti di disaccordo che hanno portato alla lite ed alle incomprensioni. Ed ancora, cerca di spegnere le emozioni negative, il nervoso, la tensione, la rabbia e lo stress perché si tratta di stati d’animo assolutamente dannosi per il quieto vivere che è necessario nel lavoro per poter operare al meglio ed essere produttivi. Mostrati aperto a lavorare in un terreno condiviso, ossia con lo spirito di collaborazione e di sostegno. In ogni caso devi dimostrare il tuo lato umano, in fin dei conti le incomprensioni ci saranno sempre sia nella vita privata che in quella professionale. Non fare di tutto una pura e semplice questione di ragione o torto. Impara a vedere e cogliere le varie sfumature.

Crea opportunità di crescita professionale

In un contesto lavorativo statico, piatto, senza la possibilità di intraprendere un percorso di crescita professionale, il malessere dei dipendenti tende ad aumentare. Di conseguenza si creeranno inevitabilmente situazioni di incomprensione, di noia, di insoddisfazione. Si tratta di emozioni negative che, nel tempo, porteranno a scontri ed attriti. Incoraggia il lavoro di gruppo, la collaborazione, lo spirito di confronto e di sostegno gli uni con gli altri, incita e coltiva la motivazione tra i colleghi. Sentirsi parte di un gruppo di lavoro, con dei traguardi specifici, fa sentire appagati, utili, indispensabili ed aiuta alla collaborazione professionale, portando i colleghi ad abbracciare uno spirito di apertura e confronto di idee e punti di vista.

Queste sono solo alcune delle tante strategie che ci sono per aiutarti a gestire al meglio i conflitti che nascono sul posto di lavoro. Ricorda che per lavorare bene bisogna anche essere immersi nel giusto ambiente, altrimenti la produttività e la performance professionale tende a calare con il passar del tempo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come gestire i conflitti sul lavoro

Today è in caricamento