Giovedì, 26 Novembre 2020

Come impaginare il curriculum per fare buona impressione: 5 consigli utili

Un cv ben fatto è il primo passo per essere assunti: ecco alcune 'dritte', dal carattere agli spazi, fino alla lunghezza dei contenuti

Foto di repertorio

Il curriculum è un vero e proprio passaporto verso il lavoro. Impaginarlo e presentarlo nel miglior modo possibile è importante, in quanto ti permette di avere più possibilità di farti notare e di ottenere il lavoro che desideri. Ecco cinque consigli che ti saranno utili nella fase di stesura del tuo Cv.

Un curriculum ben fatto per ottenere un lavoro

Scrivere il Curriculum sicuramente non è semplice, soprattutto se è la prima volta che ti trovi a doverne fare uno. Tuttavia stiamo parlando di uno strumento che, se ben fatto, ti permetterà di avere maggiori opportunità per accedere al mondo del lavoro ed ottenere la professione che tanto desideri. Un Cv si compone non solo dei contenuti ma anche della sua presentazione ed impaginazione. Sicuramente un recruiter prenderà in considerazione Cv originali, capaci di attirare la loro attenzione non solo per le informazioni scritte, ma anche per il modo in cui queste sono presentate. Il design è un aspetto fondamentale, una carta vincente che deve essere giocata nel modo migliore. Mediamente gli addetti alla selezione del personale impiegano dai 5 ai 15 secondi per visionare un Curriculum pervenuto. Capisci bene che in questo caso è proprio la prima impressione a fare la differenza. Ecco cinque consigli che ti aiuteranno nella stesura di uno dei documenti più importanti per la ricerca di un lavoro. 

Attenzione al carattere che usi

La prima cosa che salta all’occhio quando si legge un Curriculum è il tipo di carattere adoperato. Devi sempre optare per caratteri leggibili e chiari, in maniera da non affaticare la vista in fase di lettura. Il consiglio è quello di utilizzare caratteri come Arial o Calibri, soprattutto nelle parti del CV dove ti dilunghi a dare particolari informazioni. Anche il colore che sceglierai avrà un ruolo primario. Usa sempre una combinazione di colori bianco e nero, i classici per intenderci. Se proprio vuoi usare un po' di colore puoi farlo nelle intestazioni. Non scegliere mai colori forti ed accesi perché affaticheranno la vista di chi legge e aumenteranno le possibilità che il tuo Cv venga cestinato immediatamente. 

Fai attenzione a posizionare bene gli spazi

Altro consiglio molto importante è quello di fare attenzione a posizionare al meglio gli spazi. In fase di lettura è molto importante che gli occhi possano riposarsi di tanto in tanto, incontrando degli spazio bianchi. Dunque, non scrivere tutte le informazioni attaccate, ricordati di lasciare degli spazi bianchi tra le varie categorie di informazioni di cui si compone il tuo Curriculum Vitae. Immagina di trovarti a dover leggere ed analizzare un muro di testo, senza un minimo di spazio tra le varie sezioni di cui si compone, sicuramente ti passerà la voglia di leggere. Mentre scrivi il tuo curriculum devi anche metterti nei panni del recruiter e datore di lavoro che lo dovrà visionare. 

Non dilungarti troppo

Nello scrivere il tuo Curriculum ricordati di essere sintetico. Un documento di 10 pagine non verrà assolutamente preso in considerazione e immediatamente cestinato. Cerca di far entrare tutte le informazioni tra una massimo due pagine. L’importante non è la lunghezza del CV, ma come si struttura e le informazioni che presenta al suo interno. Inoltre è utile organizzare le informazioni sotto forma di elenco puntato, in maniera che possano balzare immediatamente all’occhio. Ricorda sempre che gli elenchi puntati sono in grado di attirare l’attenzione più di un tema scritto in successione, senza spazi o schemi. 

Adatta il tuo curriculum alle varie posizioni

Non inviare lo stesso curriculum a tante aziende. La regola numero uno è proprio quella di adattare le informazioni a seconda dell’azienda a cui invii il documento. Sicuramente non dovrai inventarti le cose, ma dovrai solamente mettere in luce determinate tue competenze a seconda della mansione per cui ti candidi. Se vuoi ottenere un posto come barista, ricordati che i requisiti richiesti sono diversi da quelli per diventare un operaio oppure il manager di azienda. Dunque punta a mettere in luce determinate tue caratteristiche che sicuramente hai a seconda del lavoro che vuoi ottenere. Ad esempio se ti stai candidando per lavorare in un ristorante, metti in luce la tua predisposizione a lavorare a contatto con i clienti, la tua pazienza, voglia e capacità di operare in team. Queste caratteristiche potrebbero darti maggiori occasioni per ottenere il lavoro da te voluto. Non dimenticarti di inserire le tue passate esperienze lavorative attinenti alla figura e ruolo per cui ti stai candidando. Questo farà crescere la tua credibilità e sarai visto, agli occhi del datore o dei recruiter, come una persona competente, che possiede conoscenze e preparazione adeguata per svolgere il proprio mestiere. 

Controlla e rileggi il tuo Cv

Una volta che hai scritto tutto sul tuo curriculum non dimenticare di rileggerlo, di controllarlo, magari facendoti aiutare anche da qualcuno. Gli errori di distrazione possono sempre capitare, ma devono essere corretti in maniera tempestiva. Un curriculum con errori non ti farà fare una bella figura con gli addetti alla selezione del personale. Dunque fai attenzione perché spesso sono proprio i refusi che ti posso precludere un eventuale colloquio. 

Non ti scoraggiare se le aziende non ti risponderanno subito, mettilo in conto, perché comunque trovare lavoro e farsi notare diventa sempre più complesso a causa della forte concorrenza. Sii forte e non ti arrendere, puntando alla stesura di un buon curriculum dovresti avere molte più occasioni. Persistere ti porterà a notevoli vantaggi, non solo nel mondo del lavoro ma anche nella vita privata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come impaginare il curriculum per fare buona impressione: 5 consigli utili

Today è in caricamento