Venerdì, 23 Aprile 2021

Lavoro, come leggere la busta paga

Ogni mese il datore di lavoro fornisce la busta paga al proprio dipendente, un documento importante e ricco di informazioni: ecco alcune dritte su come leggerlo senza farsi sfuggire nulla

Foto di repertorio

La busta paga è un importante documento che il datore di lavoro consegna ogni mese nelle mani dei dipendenti. Una delle domande più frequenti è proprio quella relativa a: come leggere nel miglior modo possibile tutte le voci di cui si compone una busta paga? Nel corso delle prossime righe ti spiegherò in maniera semplice che cos’è questo documento, di quanti parti si compone, come leggere e comprendere le informazioni che contiene al suo interno.

Che cos’è la busta paga?

I lavoratori dipendenti, ogni mese si ritrovano tra le mani la busta paga, con tutte le informazioni che essa riporta. Si tratta di un documento molto importante, in quanto riassume le principali informazioni sul rapporto di lavoro e le relazioni tra dipendenti, azienda, Fisco ed Enti Previdenziali. Parliamo di una certificazione che ogni singolo mese il datore di lavoro consegna ai dipendenti con la retribuzione loro spettante. La busta paga si compone di differenti parti e contiene informazioni relative il rapporto tra il datore ed i dipendenti (la paga), i rapporti con il Fisco (imposte), ed anche con gli enti previdenziali (contribuzione versata). L’obbligo di consegnare ai dipendenti questa importante documentazione è sancito dalla legge n°4 del 5 gennaio 1953. 

Uno strumento importante per i lavoratori

La busta paga è uno strumento informativo indispensabile ai vari lavoratori dipendenti. Infatti, grazie ad essa, questi hanno la possibilità di controllare alcune informazioni importanti, come ad esempio lo stipendio ricevuto e la sua congruità con quello pattuito con il contratto individuale di lavoro e con quanto previsto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL). Ed ancora la busta paga permette di controllare le ore di permessi e ferie maturate, così come l’ammontare dei contributi previdenziali versati dal datore di lavoro. Tuttavia, spesso tali indicazioni non sono di facile lettura. Ecco perché bisogna capire come si struttura una busta paga e come leggerla nel miglior modo possibile, captando tutte le nozioni che contiene al suo interno. 

Come iniziare a leggere una busta paga

Inizia a leggere la tua busta paga partendo dall’intestazione, che contiene una serie di informazioni iniziali e basilari. In particolare, qui potrai riscontrare varie voci:

  • il mese di retribuzione: ossia la mensilità in cui è erogato lo stipendio al lavoratore;
  • i dati relativi all’azienda: cioè il codice aziendale, il numero di posizione INPS ed INAIL;
  • dati anagrafici del lavoratore dipendente e riferimenti contrattuali: cognome e nome, la posizione INAIL ed INPS, il numero di matricola aziendale, la data di assunzione con eventuale data di fine rapporto di lavoro, la tipologia di contratto CCNL, la qualifica, le mansioni svolte, il livello di inquadramento del dipendente.
  • La paga base: fissata dal contratto collettivo in relazione alla categoria, inquadramento, qualifica, mansioni svolte ed anzianità;
  • la contingenza: ossia l’indennità per andare a compensare la perdita di potere di acquisto delle retribuzioni;
  • E.D.R (Elemento Distintivo della Retribuzione) consistente nella quota mensile di 10,33 euro per tredici mensilità 

Questi sono i dati che si possono leggere nella prima parte della busta paga.

Come continuare a leggere la busta paga

Passiamo ora ad analizzare la seconda parte della busta paga che contiene informazioni relative la retribuzione effettiva percepita dal lavoratore nel corso di quella determinata mensilità. In questa sezione del documento potrai leggere:

  • le ore ordinarie di lavoro;
  • le ore di straordinari,
  • premi;
  • i giorni di ferie goduti, le festività, i permessi, infortuni, malattia, maternità ed altre indennità.

Ricordati che in determinati e particolari periodi dell’anno, nella tua busta paga possono comparire delle somme di denaro maggioritarie, come ad esempio la tredicesima o quattordicesima, anticipi sul TFR oppure premi di produttività.

Le informazioni sulle ferie

Altre informazioni che la tua busta paga contiene sono quelle relative alle ferie. Queste voci solitamente si trovano nella parte inferiore del documento. Qui troverai: le ferie maturate, quelle godute e quelle residue. Una cosa a cui dovrai fare attenzione è quella di non confondere le ferie che sono espresse in giorni con i permessi che sono espressi in ore. Sul documento si troveranno anche informazioni relative la retribuzione dei giorni di ferie godute in quel determinato mese. 

Busta paga di un contratto di lavoro part-time

La busta paga relativa un contratto di lavoro part-time deve obbligatoriamente indicare la riduzione dell’orario lavorativo rispetto ad un contratto standard a tempo pieno. Il calcolo delle ferie e dei permessi dipende dal tipo di contratto di lavoro, in particolare varia da full-time, part-time orizzontale, verticale o misto. Dunque un documento questo un po' differente in alcune parti di cui si compone, ma che è importante saper leggere correttamente per individuare subito la correttezza delle informazioni presenti al suo interno.

Come leggere l’ultima sezione della busta paga

Ed arriviamo così all’ultima parte e sezione di cui si compone una busta paga. Qui troviamo informazioni sullo stipendio netto spettante al lavoratore in questione. In particolare in questa parte del documento sono presenti:

  • i dati previdenziali: in riferimento ai contributi versati;
  • dati di carattere fiscale: ossia l’imponibile lorda e netta IRPEF, l’imponibile fiscale, detrazioni d’imposta, totale delle trattenute IRPEFe le addizionali IRPEF;
  • TFR: con tutti i dati e le informazioni sul Trattamento di Fine Rapporto;
  • stipendio netto: si tratta dell’ultima voce sulla busta paga, contenente l’importo in denaro realmente percepito dal lavoratore.

Dunque, si tratta di un documento importante e ricco di informazioni che ogni lavoratore deve essere in grado di leggere, per verificarne eventuali anomalie o errori. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, come leggere la busta paga

Today è in caricamento