Martedì, 16 Luglio 2024
Lavoro

Come organizzare la ricerca di lavoro in 5 passi

Tutti i consigli utili

La ricerca del lavoro può essere, di volta in volta, noiosa o entusiasmante. In ogni caso, chi ha l’esigenza di trovare subito un nuovo impiego o vuole cambiare lavoro perché non si identifica più con i valori aziendali, deve tenere conto che, per avere successo, è necessaria una buona organizzazione.

Cosa si intende per buona organizzazione nella ricerca del lavoro?

Il consiglio di chi si occupa di ricerca e selezione del personale è quello di organizzare in modo metodico e organizzato le azioni da compiere. Non si devono inviare annunci massivi e candidature non personalizzate e si deve avere una buona organizzazione mentale per definire la strategia adatta e pianificare il tempo da dedicare al progetto di ricerca del lavoro.

L’invio di CV e lettere di presentazione saranno di maggiore qualità e la ricerca del lavoro organizzata in questo modo aiuterà a sentirsi più motivati ed efficaci. Vediamo gli step per trovare efficacemente lavoro nel 2023.

Una premessa: le domande da cui partire

Chi cerca lavoro attivamente nel 2023 dovrebbe basare l’attività di ricerca di un nuovo impiego su alcune domande, che i selezionatori del personale suddividono in determinati ambiti:

  • Obiettivi personali e professionali: quali caratteristiche deve avere il lavoro?
  • Consapevolezza professionale: quali competenze e capacità possiedo e perché dovrei essere scelto rispetto ad altri candidati?
  • Tempistiche: quanto tempo ho a disposizione per trovare lavoro? Quante ore al giorno posso dedicare alla ricerca del lavoro?
  • Personal branding: qual è l’immagine che desidero dare alle aziende per cui mi candido? Come posso differenziarmi dagli altri candidati?
  • Risorse e networking: su quali risorse posso fare affidamento per trovare lavoro e a quali contatti posso chiedere supporto per entrare nel settore di mio interesse.

Solo a questo punto si passa alla progettazione della lista delle attività e alla definizione dei 5 step per trovare lavoro.

I 5 step per trovare lavoro nel complesso scenario socio-economico attuale

Come detto, cercare lavoro in modo strategico e organizzato, aumenta le probabilità di avere successo e per questo i candidati possono seguire 5 step:

1. definire l’obiettivo e il settore in cui si vuole lavorare, esempio (Digital, Farm, Finance, Tech): in questa fase è importante essere il più specifici possibili, andando a individuare anche il titolo professionale più adeguato (job title).  In molti casi il titolo professionale è simile per diverse attività e competenze e per questo, nella fase di definizione del lavoro ideale, è importante tenere in considerazione tutti quelli attinenti al lavoro;

2. definire le proprie aspettative personali e professionali: in questa fase si individua quale può essere l’ambiente di lavoro ideale in termini di settore, organizzazione e mansioni affidate. Si può scegliere di lavorare per un’azienda strutturata o in libera professione o ancora in smart working, essere retribuiti per numero di ore lavorate o per obiettivi di business raggiunti e così via. Facciamo un esempio. Se voglio lavorare in modalità full smart working, nel settore dell’ingegneria, andrò a selezionare, tra le proposte di lavoro, solo quelle di determinate aziende. Per farlo ho a disposizione diversi strumenti: Linkedin, contatti con i dipendenti che lavorano in quella determinata azienda, eventi organizzati dall’azienda in cui si vuole lavorare, e iniziative proposte sul sito web, oltre a poter seguire tutti i canali di comunicazione tra l’azienda e i suoi stakeholder o portatori di interessi;

3. definire il tempo da dedicare alla ricerca del lavoro e i canali da usare: il tempo a disposizione per trovare lavoro non è mai abbastanza, e per questo è importante definire quante ore al giorno dedicare a questa attività, segnandole su un file Excel o su carta in un vero e proprio planning settimanale. Oltre a questo è importante individuare i canali da usare che comprendono gli annunci pubblicati su aggregatori e bacheche di ricerca lavoro (job board), i social media come Linkedin e altro ancora. Il consiglio in più è quello di registrarsi alle newsletter di ricerca lavoro predisposte dalle agenzie per il lavoro o da società di head hunting. In questo modo potrai ricevere in tempo reale le notifiche di pubblicazione di nuovi annunci di lavoro a cui sei interessato, e essere tra i primi a candidarti, aumentando le possibilità di successo della tua ricerca di lavoro.

4. Organizzare gli strumenti per trovare lavoro: prima di cominciare a cercare lavoro è importante predisporre con cura e attenzione ai dettagli il CV e la lettera di presentazione, oltre alle copie delle certificazioni e dei titoli di studio e all’iscrizione a albi e associazioni professionali. In questo caso chi lavora nell’ambito delle risorse umane consiglia di avere un CV e lettera di presentazione standard da personalizzare di volta in volta in base alle caratteristiche dell’azienda per cui ci si candida.

5. Studiare gli application tracking system (ATS) e le loro logiche di funzionamento: oggi a fare il primo match tra curriculum e posizione lavorativa sono sistemi di intelligenza artificiale e machine learning come gli ATS o application tracking system. Ecco perché, per organizzare al meglio la ricerca di lavoro, è importante scrivere un buon curriculum, i cui testi includano le parole chiave in linea con l’annuncio per cui ci si candida. In questo modo gli ATS rileveranno la corrispondenza tra candidatura e profilo ricercato e manderanno avanti il CV nella fase di screening. Nella ricerca del lavoro ideale è importante specificare le competenze ed esperienze possedute in base al determinato lavoro, focalizzandosi su quelle più significative, ma non solo. Spesso viene trascurato l’importante aspetto della compilazione dei campi non obbligatori del form di candidatura: questa scelta che potrebbe sembrare poco importante, in realtà aiuta il selezionatore a valutare meglio il profilo del candidato, grazie alla disponibilità di un numero maggiore di informazioni.

In conclusione, il modo migliore per avere successo nella complessa e delicata fase di ricerca lavoro è quello di dedicare il giusto tempo e le giuste risorse a questa attività. Tempo e risorse da suddividere nei 5 step in base ai quali ogni candidato deve organizzare la ricerca lavoro nel 2023 per aumentare le opportunità di essere preso in considerazione – e successivamente assunto – dalle aziende in linea con le sue aspettative, valori e obiettivi personali e professionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come organizzare la ricerca di lavoro in 5 passi
Today è in caricamento