rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
ECONOMIA

Legge di Stabilità, dalla Tasi al canone: cosa cambia per famiglie e imprese

Canone Rai in bolletta elettrica: costerà meno e sarà "a rate". Giù molte tasse e stop a quelle sulla casa. Voce per voce, ecco cosa cambia con la manovra economica per il 2016

Dal prossimo anno tutti i proprietari di prima casa non pagheranno più le tasse. La manovra per il 2016 cancella l'Imu e la Tasi sull'abitazione principale. Questa è la principale novità per le famiglie contenuta nella legge di stabilità da 27 miliardi approvata dal governo. Molte le misure in arrivo anche per le imprese a cominciare dal super-ammortamento del 140% sui macchinari. E ancora si confermano, anche se ridotti, gli sgravi per i neo assunti, e arriva lo stop dell'Imu sui cosiddetti 'imbullonati'. In bilico il taglio dell'Ires che è subordinato all'ok di Bruxelles alla clausola migranti richiesta dall'Italia.

In arrivo anche una rivoluzione sul fronte del canone Rai. Gli italiani dal 2016 pagheranno il canone tv direttamente in bolletta con un importo che scende a 100 euro per il prossimo anno e poi a 95 euro nel 2017. Mentre il tetto per i pagamenti in contanti salirà a 3.000 euro dai 1.000 euro attuali.

Novità anche sul fronte pensioni. Mentre si conferma il rinvio di una riforma che introduce misure di flessibilità in uscita, arriva l'ultima salvaguardia per gli esodati, si conferma l'opzione donna, viene introdotto il part time per gli over 63 e viene estesa la no tax area per i pensionati. Queste le principali misure in arrivo.

- CASA - 

ADDIO IMU-TASI: Stop alla Tasi sulla prima casa. Dal 2016 tutti i proprietari non dovranno più pagare al comune la tassa per i servizi indivisibili. La stessa cosa vale per gli inquilini affittuari. L`abolizione costa intorno ai 3,7 miliardi di euro. Discorso leggermente diverso per l`Imu che attualmente è dovuta soltanto sulle prime case di lusso (che rientrano nella categorie catastali A/1, A/9 e A/8). L'abolizione interessa soltanto i proprietari di prima abitazione di lusso (abitazioni di tipo signorile, ville, castelli, palazzi di pregio artistico o storico). Il costo è meno di un miliardo di euro.

CASE POPOLARI: In arrivo un intervento straordinario sulle case popolari.

- FAMIGLIE - 

TETTO CASH SALE A 3.000 EURO: Il limite per l'utilizzo del denaro cash salirà da 1.000 a 3.000 euro. Superata questa soglia sarà necessario ricorrere ai pagamenti elettronici o bancari.

CANONE RAI: Il canone Rai scende e va nella bolletta della luce. Nel 2016 sarà di 100 euro, nel 2017 di 95 euro. Lo slogan utilizzato da palazzo Chigi è 'pagare tutti per pagare meno'.

PIANO CONTRO LA POVERTA': In un ddl collegato viene stanziata una dote di 600 milioni per il 2016, 1 miliardo nel 2017 e 1 miliardo nel 2018 per ampliare gli interventi di sostegno per i nuclei familiari che vivono in condizioni di povertà, soprattuto per i minori. Altri 100 milioni verranno stanziati con le fondazioni bancarie, i Comuni e il terzo settore.

NO AUMENTI IVA E ACCISE: Vengono sterilizzate per il 2016 le clausole di salvaguardia che prevedevano l'aumento di Iva e accise.

- PENSIONI - 

FLESSIBILITA' RINVIATA: Le misure sulla flessibilità in uscita dal sistema pensionistico verranno rimandate al prossimo anno.

PART TIME OVER 63: Viene consentito l`accesso al lavoro part-time incentivato per i lavoratori con soli tre anni di distanza dai requisiti di pensionamento. L`azienda verserà in busta paga la quota di contributi che avrebbe versato all`Inps in caso di contratto a tempo pieno, mentre la contribuzione figurativa sarà fiscalizzata.

ESODATI: Arriva l'ultima salvaguardia per i lavoratori esodati non coperti dai sei interventi varati dal 2012.

OPZIONE DONNA: Viene confermata l'opzione donna, ovvero la possibilità di ritiro anticipato con 58 anni e 35 di versamenti per lavoratrici che maturino il requisito entro dicembre (la platea potenziale è di 30mila soggetti).

NO TAX AREA PENSIONATI: Previsto un aumento della no-tax area per i pensionati.

- IMPRESE - 

TAGLIO IRES AL 24% MA DAL 2017: Il taglio dell'Ires sarà rinviato al 2017 se Bruxelles non darà l'ok alla clausola migranti richiesta dall'Italia. L'attuale aliquota del 27,5% scenderà al 24%.

SUPER-AMMORTAMENTO: Arriva un super-ammortamento del 140%, invece del 100%, del valore fiscale dei macchinari acquistati nell'ultimo trimestre 2015 e nel corso del 2016. Lo sgravio dovrebbe riguardare tutti i macchinari produttivi.

IMBULLONATI: Per i beni produttivi ancorati al suolo arriva la cancellazione dell'Imu.

PMI: Già l'Irap per liccole imprese, previsto l'anticipo del rimborso Iva per crediti non riscossi.

- LAVORO - 

SGRAVI ASSUNZIONI: Prorogata anche nel 2016 la decontribuzione per le nuove assunzioni con contratti a tempo indeterminato ma con un bonus inferiore rispetto agli 8.060 pevisti nel 2015. Gli sgravi fiscali per le imprese che assumono entro il 31 dicembre resteranno pari al 100% fino al 2018, mentre caleranno al 40% se le assunzioni verranno effettuate nel 2016, nel 2017 si riduce ancora.

DETASSAZIONE SALARI PRODUTTIVITA': Torna la detassazione del salario di produttività.

CONTRATTAZIONE SECONDO LIVELLO: In arrivo 500 milioni per la contrattazione di secondo livello.

STATALI: Previsti 300 milioni di euro per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego. (Segue) 

- AUTONOMI -

REGIME MINIMI: L'operazione mira a rivedere al rialzo tutti i limiti di ricavi delle differenti categorie. L'intervento dovrebbe prevedere un aumento minimo di 5mila euro e uno massimo di 10mila delle differenti soglie di ricavi. Fanno eccezione solo i professionisti che potrebbero vedersi raddoppiare l'attuale limite da 15mila a 30mila.

PARTITE IVA: Per le nuove partite Iva la misura allo studio prevede la riduzione dell'imposta costitutiva dal 15 al 5% per almeno i primi 3 anni. Si potrebbe allungare il tempo a 5 anni ma l'operazione risulterebbe più costosa.

- SANITA' -

FONDO SANITARIO: Nel 2016 i governatori avranno a disposizione 111 miliardi di euro per alimentare il fondo sanitario nazionale. La cifra che rappresenta un aumento rispetto ai 110 miliardi di euro stanziati per quest'anno, è comunque inferiore ai 113 miliardi indicati dall'intesa del luglio scorso in Conferenza Stato-Regioni. 'Più soldi - ha detto Matteo Renzi - ma spendiamoli meglio, con costi standard per tutti e trasparenza totale sui prezzi'.

- SPENDING REVIEW -

OBIETTIVI: L'obiettivo di risparmi dalla spending review viene dimezzato dai 10 miliardi indicati ad aprile a 5 miliardi.

NO RIORDINO TAX EXPENDITURE: Salta il riordino delle agevolazioni fiscali.

TAGLI MINISTERI: Arrivano tagli dei singoli ministeri orientativamente al 3%. Renzi ha chiarito che non sono tagli lineari.

TAGLIO PARTECIPATE: Saranno ridotte da 8mila a mille.

MANAGER P.A.: Arriva una sforbiciata al numero dei super-dirigenti.

TAGLIO 10% UFFICI: Taglio del 10% ulteriore agli uffici di diretta collaborazione dei ministeri.

TAGLIO PROVINCE: Nessun taglio per le città metropolitane mentre il taglio alle province si riduce da 1 miliardo a 600 milionI.

- AGRICOLTURA -

STOP IMU AGRICOLA: Arriva la definitiva cancellazione dell'Imu e dell'Irap su tutti i terreni agricoli. L'abolizione sarà valida a prescindere dalla qualifica professionale (contribuenti generici, imprenditori agricoli o coltivatori diretti) e dal fatto che il terreno si trovi in comuni montani o parzialmente montani.

- UNIVERSITA' E RICERCA -

PROF E RICERCATORI: Un bando per l'assunzione di 500 professori universitari anche dall'estero e mille ricercatori in più.

CULTURA: Risorse per 100 milioni.

- SUD -

FONDI: Il masterplan per il Sud prevede finanziamenti per 450 milioni di euro.

TERRA FUOCHI e ILVA: Fuori dalla manovra con un altro provvedimento in arrivo ci saranno 450 milioni per chiudere la ferita della Terra dei Fuochi. Fondo di garanzia per Ilva per superare la crisi.

SA-RC: Stanziamento finale per la Salerno-Reggio Calabria.

- LOTTA EVASIONE -

FATTURAZIONE ELETTRONICA: Lotta all'evasione con la fatturazione elettronica e gli strumenti telematici.

- ALTRE VOCI - 

GIUBILEO: Fuori dalla manovra con un atto normativo da presentare nei prossimi giorni, ci saranno investimenti per un ulteriore miliardo concentrati su alcune priorità come Giubileo, Terra dei Fuochi, Bagnoli, Ilva.

SERVIZIO CIVILE: 400 milioni sul fondo sociale, aumenta il servizio civile.

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE: Crescono i fondi per la cooperazione internazionale, specie in Africa.

GIOCHI: Dal settore il governo punta a recuperare un gettito di 1 miliardo.

VOLUNTARY DISCLOSURE: Dalla procedura di emersione dei capitali detenuti all'estero arriveranno 2 miliardi nel 2016, oltre a 1,4 miliardi già incassati e impegnati.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge di Stabilità, dalla Tasi al canone: cosa cambia per famiglie e imprese

Today è in caricamento