Domenica, 18 Aprile 2021
Verona

"Il dado è tratto", Knorr licenzia 76 lavoratori a Sanguinetto: i sindacati non ci stanno

I lavoratori dell’Unilever di Sanguinetto in provincia di Verona oggi sono in sciopero a causa dell'apertura della procedura di licenziamento collettivo

Foto: repertorio

Dado Knorr, "addio" Italia. I lavoratori dell’Unilever di Sanguinetto, in provincia di Verona, oggi sono in sciopero: non possono accettare l’apertura della procedura di licenziamento collettivo di 76 dipendenti. E' in corso, e lo sarà fino a sera, un presidio davanti allo stabilimento dove sono prodotti il dado Knorr, confettura e risotteria: vi lavorano in totale 161 persone.

Unilver delocalizza in Portogalla la produzione dado Knorr

Nel 2018 Unilever Manifacturing Italia aveva già chiuso una prima vertenza per 28 esuberi. Cisl, Cgil e Uil criticano pesantemente la politica industriale della multinazionale che “nonostante la riorganizzazione dello scorso anno e il forte aumento dei carichi di lavoro, ha deciso senza alcun preavviso la delocalizzazione in Portogallo della produzione del dado Knorr e il licenziamento di 76 persone. Lo stabilimento di Sanguinetto lavora da 60 anni e deve essere mantenuto" auspicano le sigle sindacali.

Le lettere di licenziamento sono arrivate giovedì scorso, totalmente a sorpresa. Il dado Knorr da ben 60 anni viene prodotto a Sanguineto, piccolo paese di 4mila abitanti nella bassa veronese. E i lavoratori preannunciano battaglia: la produzione del "mitico" dado - chiedono - rimanga a Sanguinetto.

L'azienda chiude dopo 70 anni: licenziati tutti i dipendenti 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il dado è tratto", Knorr licenzia 76 lavoratori a Sanguinetto: i sindacati non ci stanno

Today è in caricamento