rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
La pandemia non è finita / Cina

Shenzhen in lockdown, nuovi rischi per le catene di forniture globali

Il Covid blocca la produzione dei fornitori di Apple, Huawei e Tencent

Crollano le Borse asiatiche tra i timori legati alla guerra in Ucraina e l'ondata di Covid-19 che ha portato al lockdown di Shenzhen e Shanghai (per ora parzialmente) con inevitabili riflessi sull'economia e sulla supply chain. I fornitori di Apple, tra cui Foxconn, hanno sospeso la produzione dopo che il governo regionale ha dichiarat la sospensione di tutti i trasporti pubblici e di tutte le attività non essenziali da oggi e fino al 20 marzo, disponendo il blocco di tutti i parchi industriali e delle aree residenziali con l'avvio dei test di massa anti-Covid per gli oltre 17 milioni di residenti. Solo le attività essenziali per la vita quotidiana, come mercati, farmacie e istituzioni mediche, possono continuare a funzionare normalmente, mentre i ristoranti possono solo accettare ordini per la consegna.  

In Cina nuovo picco di casi Covid: milioni in lockdown

La megalopoli, ormai un unico conglomerato urbano con Hong Kong, è sede di importanti società tecnologiche come Huawei, Oppo e TCL ed è anche uno dei più grandi centri di produzione per Foxconn, il colosso taiwanese che rifornisce clienti da Apple a Google fino ad Amazon. Il blocco della produzione nell'area è un ulteriore colpo alla catena globale degli approvvigionamenti globale già alle prese con la carenza di semiconduttori e la guerra in Ucraina. Foxconn, il più grande produttore mondiale di elettronica a contratto, ha riferito oggi la sospensione della produzione negli stabilimenti di Longhua e Guanlan a Shenzhen fino a nuovo avviso da parte del governo locale, attivando un piano di parziale compensazione in altri impianti.

Shenzhen è il secondo centro cinese di produzione per Foxconn dopo Zhengzhou nella provincia di Henan, che è il più grande per gli iPhone al mondo, ma ha anche i laboratori sono sviluppati i prototipi. General Interface Solution (Gis), consociata di Foxconn nei pannelli, ha dichiarato in un file di Borsa che il suo stabilimento di Shenzhen fermerà da oggi la produzione, destinata a colossi come Apple e Samsung. Il più grande produttore di circuiti stampati di Taiwan, Unimicron, fornitore chiave della casa di Cupertino, di Intel e Nvidia, ha dichiarato che la sua filiale della megalopoli del Guangdong si fermerà.

Il governo della città di Shanghai ha esortato i residenti a non andarsene a meno che non sia assolutamente necessario, mentre chiunque viaggi in entrata o in uscita dalla città deve presentare un risultato di test negativo agli acidi nucleici delle ultime 48 ore. Servizi di autobus tra la città e altre province, come Anhui, Shandong e Jiangxi, sono sospesi. Shanghai è il più importante centro di produzione di semiconduttori della Cina, nonché il suo hub finanziario.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Shenzhen in lockdown, nuovi rischi per le catene di forniture globali

Today è in caricamento