Mps, Bankitalia vide criticità: "Titoli di Stato in quota doppia rispetto alle altre banche"

La crisi del Monte dei Paschi di Siena non è da imputare alle operazioni sui derivati Alexandria e Santorini. Lo ha affermato nel corso dell'audizione in commissione di inchiesta sulle banche il sostituto procuratore di Milano, Stefano Civardi

Che in Monte dei Paschi ci fossero molte cose che non andavano lo aveva capito il mercato, il titolo scendeva e leggendo le ispezioni di Bankitalia era più che mai evidente. I segnali di criticità erano evidenti". Lo ha detto il pubblico ministero Stefano Civardi nell'audizione davanti alla Commissione d'inchiesta parlamentare sulle banche che si è occupata oggi della banca senese.

Il pm aggiunge che la crisi di Mps non dipese dalle ristrutturazioni sui derivati Alexandria e Santorini."Va incorniciata in una crisi di sistema. Mps aveva tanti titoli di Stato, una quota doppia ririspetto alle altre banche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

  • Tasse, chi rischia di pagare di più con la nuova Imu

Torna su
Today è in caricamento