rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Il caso

Così il pomodoro cinese sostituisce il nostro oro rosso: "A Salerno una nave carica di salsa, a metà prezzo"

Gli agricoltori di Coldiretti hanno simbolicamente contrastato l'approdo di una nave porta container in arrivo dallo Xinjiang: "Concorrenza sleale, a rischio la salute dei cittadini e la sopravvivenza delle imprese agricole del territorio"

Pomodoro cinese sulle tavole italiane: a conferma delle voci che circolavano da tempo mercoledì 29 maggio una nave proveniente dalla Cina con un carico di passata di pomodori è approdata al porto di Salerno. Ad annunciarlo, all’inizio di maggio, era stato l’operatore logistico cinese Sdi Logistics segnalando l’avvenuta partenza, il 26 aprile, di un convoglio merci da Urumqi, remota località dello Xinjiang, nella Cina nordoccidentale. Da lì, il suo passaggio per il Kazakhstan fino all’imbarco dal porto di Aktau, sul mar Caspio. Dopo il trasporto via nave fino a Baku, in Azerbaijan, il treno è stato ritrasportato per via ferroviaria in Georgia, fino al successivo reimbarco dal porto di Poti e il transito via mare per il Mar Nero, gli stretti turchi, e il Mediterraneo, per giungere a Salerno.

Ad attenderla al molo Pisacane gli agricoltori di Coldiretti con sei gommoni per contrastare simbolicamente "una concorrenza sleale in grado di mettere a rischio la salute dei cittadini e la sopravvivenza delle imprese agricole del territorio" denuncia Coldiretti.

La nave di salsa di pomodoro cinese nel porto di Salerno, Foto Guglielmo Gambardella

"Riscontriamo l'aumento del 50 per cento delle importazioni di salsa di pomodoro cinese in Italia alla metà del prezzo di quello italiano: non si conosce la provenienza, né le tecniche usate per la lavorazione, né gli standard qualitativi di questi prodotti importati, con il rischio che vengano spacciati sui mercati nazionali ed esteri come Made in Italy, con gravi danni per tutto il comparto agricolo nazionale" spiegano da Coldiretti.

"C'è una invasione di salsa di pomodoro cinese in Italia, a metà prezzo ma senza certificazioni".

Coldiretti

Contemporaneamente, a Bari, sono salpate le imbarcazioni con le bandiere gialle all'arrembaggio della 'nave fantasma' carica di grano turco, di cui si erano perse le tracce dopo che aveva lasciato la Tunisia, da cui pare sia stata respinta, e toccato le coste greche per arrivare nella città pugliese.

Pomodori cinesi in Italia: perché è un problema

Era stata la stessa ambasciata della Repubblica popolare cinese in Italia a pubblicizzare la partenza del primo collegamento intermodale tra Urumqi e Salerno. Il convoglio con 82 container era descritto dal Global Times - la testata in lingua inglese della propaganda del Partito comunista cinese - come un "ponte verso la prosperità", che permette di ridurre i tempi di trasporto di oltre la metà rispetto al solo trasporto marittimo. Lo scopo dell'ampia copertura mediatica degli organi di stampa ufficiali di Pechino è evidente: esaltare i benefici per l'economia della regione nordoccidentale cinese (dove il governo centrale porta avanti diversi abusi nei confronti dei milioni di uiguri, come la negazione della libertà religiosa e la detenzione arbitraria in prigioni dove è stato istituito un sistema di lavoro forzato) e rilanciare i vantaggi della Belt and Road Initiative da cui il governo italiano si è sfilato.

Foto Guglielmo Gambardella-2

La sorprendente differenza di prezzo è, ovviamente, legata alle condizioni di sfruttamento degli uiguri. E questo si riflette sul settore agricolo italiano. Stando a quanto dichiarato da Lorenzo Bazzana, Responsabile Economico Coldiretti, a Today.it, quello importato dalla Cina è principalmente concentrato di pomodoro che è arrivato a "pesare", in termini di prodotto fresco, a seconda delle campagne, dal 10 al 25 per cento della produzione nazionale di pomodoro da industria. L'allarme scatta perché il prodotto proviene da un Paese terzo - in questo caso la Cina - dove osservate regole produttive, fitosanitarie, ambientali ed etiche che sono diverse da quelle italiane ed europee.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Today è in caricamento