Martedì, 28 Settembre 2021
ECONOMIA

Niente blocco sfratti nel 2015: "Famiglie bisognose a rischio"

Nel decreto milleproroghe non c'è il prolungamento del blocco degli sfratti per fine locazione. Il sindacato degli inquilini non ci sta

ROMA - "Nei prossimi giorni circa trentamila famiglie rischiano lo sfratto". E' Aldo Rossi, segretario nazionale del sindacato degli inquilini Sunia, a dare l'allarme dopo che nel decreto Milleproroghe è saltato il prolungamento del blocco degli sfratti per fine locazione. Sfratti che interessano, spiega Rossi, famiglie bisognose.

Dal ministero delle infrastrutture hanno spiegato che la proroga non è stata inserita visto che nel decreto casa sono stati incrementati i fondi affitti e morosità incolpevole. Il precedente Milleproroghe aveva prorogato il blocco degli sfratti per fine locazione fino al 31 dicembre 2014.

Nei giorni scorsi si erano fatte sentire le associazioni degli inquilini, tra cui Unione inquilini e Sunia, che in coro chiedevano un altro anno di stop. I due fondi decisi dal governo in tutto prevedono uno stanziamento di 446 milioni di euro: 200 milioni di euro per gli affitti e 226 milioni per la morosità incolpevole. Sono stati poi stanziati 400 milioni per la ristrutturazione degli alloggi nelle case popolari. Questa, spiega il ministero, è la strada per risolvere il problema dell’emergenza abitativa.

Confedilizia, invece, plaude alla misura del governo. "Il governo evita il trentunesimo blocco degli sfratti: ha rotto la rituale liturgia", sostiene il presidente di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani. "Sarebbe stato il trentunesimo, in ragione di più di uno all’anno dall’infausta legge dell’equo canone, che non risolse alcun problema ma nel contempo ne creò tanti. Confidiamo che il governo, contro ogni suggestione, terrà ferma la decisione in sede di esame del decreto Milleproroghe, dove potrebbe riaffacciarsi qualche posizione di pericolosa demagogia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente blocco sfratti nel 2015: "Famiglie bisognose a rischio"

Today è in caricamento