Mercoledì, 20 Ottobre 2021
L'annuncio

Premio Nobel per l'Economia 2021: i tre economisti che hanno vinto

David Card, Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens hanno vinto il premio in memoria di Alfred Nobel per le loro ricerche sull'economia del lavoro

Gli economisti David Card, Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens hanno vinto il Premio Nobel per l’Economia 2021 per le loro ricerche sull'economia del lavoro.

L’annuncio è arrivato intorno a mezzogiorno di lunedì 11 ottobre, leggermente in ritardo rispetto al previsto, dai portavoce della Royal Swedish Academy: metà premio è stato assegnato a David Card, l’altra metà congiuntamente a Angrist e a Imbens, per avere “fornito nuove informazioni sul mercato del lavoro e mostrato quali conclusioni su causa ed effetto si possono trarre dagli esperimenti naturali. Il loro approccio si è diffuso in altri campi e ha rivoluzionato la ricerca empirica».

Chi è David Card

David Card, nato in Canada nel 1956, ha conseguito un Phd a Princeton nel 1983 e oggi è professore di Economia all’Università di Berkley, in California: "Card ha analizzato gli effetti sul mercato del lavoro di salari minimi, immigrazione e istruzione. I suoi studi dei primi anni '90 hanno sfidato la saggezza convenzionale, portando a nuove analisi e ulteriori intuizioni - spiega la Royal Swedish Academy of Sciences - I risultati hanno mostrato, tra l'altro, che l'aumento del salario minimo non porta necessariamente a un minor numero di posti di lavoro. Ora sappiamo che i redditi delle persone nate in un paese possono beneficiare di nuova immigrazione, mentre le persone immigrate in precedenza rischiano di essere influenzate negativamente. Ci siamo anche resi conto che le risorse nelle scuole sono molto più importanti per il futuro successo degli studenti nel mercato del lavoro di quanto si pensasse in precedenza".

Chi sono Joshua Angrist e Guido Imbens

Joshua David Angrist, 61 anni, ha origini israeliane e americane ed è professore di Encomia al Massachussetts Institute of Technology. Guido Imbens, economista olandese-americano, è invece professore di Economia alla Stanford University: a loro la Royal Swedish Academy ha tributato il merito di essere riusciti a trarre conclusioni precise su causa ed effetto grazie a una serie di studi condotti a metà degli anni '90 che hanno messo in relazione i dati raccolti tramite gli esperimenti.

"Gli studi di Card sulle questioni fondamentali per la società e i contributi metodologici di Angrist e Imbens hanno dimostrato che gli esperimenti naturali sono una ricca fonte di conoscenza - ha detto Peter Fredriksson, presidente del Comitato del Premio per le scienze economiche - La loro ricerca ha sostanzialmente migliorato la nostra capacità di rispondere a domande causali chiave, il che è stato di grande beneficio per la società".

Premio Nobel per l’Economia, la storia

L’economia non rientrava fra le cinque discipline contemplate originariamente da Alfred Nobel (fisica, chimica, medicina, letteratura e pace). Nel 1968 la Banca Centrale Svedese (Sveriges riksbanks) ha per deciso di istituire un premio ad hoc, riconosciuto a posteriori come onorificenza "alla memoria di Alfred Nobel".

Fra il 1969 e il 2021 il premio è stata assegnato 53 volte a un totale di 89 laureates, e la lista comprende Friedrich von Hayek, Joseph Stiglitz, Amartya Sen e  Franco Modigliani, unico italiano a ottenere il riconoscimento). Nel 2020 il premio è stato assegnato agli economisti dell’Università di Stanford Paul R. Milgrom e Robert B. Wilson.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio Nobel per l'Economia 2021: i tre economisti che hanno vinto

Today è in caricamento