rotate-mobile
Venerdì, 26 Novembre 2021
Il caso / Milano

Imprenditrice non riesce a pagare le tasse per la crisi Covid: assolta

Secondo il giudice, "le circostanze eccezionali" ed estranee alle scelte della donna le hanno reso impossibile il pagamento delle rate

Prima la crisi del settore, poi l'emergenza sanitaria ed economica generata dal Covid. Sono queste le "circostanze anormali ed eccezionali" che le hanno reso impossibile pagare le tasse. E per questo un'imprenditrice orafa è stata assolta: secondo il giudice del tribunale di Milano, il peso della pandemia ha inciso sul peggioramento della situazione finanziaria della sua impresa, non consentendole di poter pagare le rate accumulate nel tempo. Come scrive il Corriere della Sera, per la seconda sezione penale del tribunale è in effetti "provato che la contrazione del fatturato tra il 2012 e 2015, e la crisi finanziaria proseguita anche in seguito, fossero state determinate da fattori esogeni e assolutamente estranei alle scelte dell'imprenditrice".

Non paga le tasse a causa della crisi Covid: assolta imprenditrice

L'imprenditrice, prosegue il giudice, in astratto ovviamente avrebbe sì potuto fare ricorso al credito bancario per pagare l'Agenzia delle Entrate, ma scontrandosi con il fatto che "le banche avessero già notevolmente ridotto tra 2012 e 2015 i fidi bancari concessi, sicché è verosimile dedurre l'indisponibilità delle banche a concedere ulteriori linee di credito alla società". L'azienda della donna era impegnata in tre aree: la produzione di zirconi, il commercio di gemme preziose e la produzione di un proprio marchio di gioielli. Con la prima attività era riuscita ad acquisire un'importante fetta di mercato, diventando terza produttrice mondiale. Ma nel 2012 fino al 2015 la crisi del settore, a causa della concorrenza con il mercato del sud-est asiatico, le infligge il primo colpo di arresto.

Il fatturato si riduce del 50% e l'imprenditrice non riesce a pagare le banche che le avevano fornito liquidità. La donna tenta il tutto per tutto. È quindi costretta a mettere in cassa integrazione i lavoratori, e rinuncia ai propri compensi immettendoli in azienda al pari di altri conferimenti di risorse personali. Ciò non serve ad arginare la crisi: l'imprenditrice è costretta a licenziare i due terzi dei dipendenti. Diventa così insostenibile nel 2020, con lo scoppio dell'emergenza Covid, il pagamento della cartella esattoriale di oltre 440mila euro che aveva fatto rateizzare dall'Agenzia delle Entrate nel 2019.

Ed ecco il verdetto del giudice. Alla luce di tutto ciò, "l'imputata non è rimproverabile, in quanto la condotta di omesso versamento delle imposte, seppur volontariamente temuta, le è stata 'imposta' da circostanze anormali ed eccezionali, tali da rendere soggettivamente inesigibile il comportamento lecito, e da incidere sulla colpevolezza". Che dunque "si ritiene insussistente per difetto dell'elemento soggettivo del reato".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditrice non riesce a pagare le tasse per la crisi Covid: assolta

Today è in caricamento