rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Economia Roma

Protesta al Mc Donald’s, niente pasto in busta paga: "Costretti a mangiare menù"

Domenica 20 ottobre sciopero e manifestazione per i lavoratori del Mc Donald’s a Roma. Il sindacato Flaica: ''Non si può mangiare ogni giorno al fast food

Monta la protesta dei lavoratori di Mc Donald’s a Roma. Il motivo? Il pasto decurtato dalla busta paga, che costringe i dipendenti a mangiare ogni giorno i menù del fast food. Così domenica 20 ottobre i lavoratori della nota catena manifesteranno davanti ai locali contro la scelta dell’azienda di applicare la trattenuta per il pasto nelle buste paga. Sciopero e mobilitazione con il punto di piazza di Spagna tra i più battaglieri.

Una decurtazione prevista dal Contratto del Turismo contro la quale però si schierano “crew” e il sindacato Flaica: “Mc Donald's ha deciso di applicare la trattenuta per il pasto prevista dal Contratto del Turismo. Per ‘pasto’ si intende però un primo, un secondo con contorno, pane, frutta e bevanda” – ha fatto notare il segretario provinciale della Flaica, Giancarlo Desiderati. 

“E' evidente che nel caso dei lavoratori di Mc Donald's ciò non corrisponde alla realtà, essendo costretti a mangiare ogni giorno i menù aziendali”. 

Protesta Mc Donald's, il sindacato Flaica: '' mpossibile mangiare tutti i giorni fast food''

Uno sforzo in più quello chiesto all’azienda dalla Flaica: “Il colosso potrebbe fare di più e di meglio. Ne facciamo anche una questione salutare: il ‘pasto’ sia pasto davvero, non è possibile per il personale, pur esistendo insalate e macedonie, mangiare tutti i giorni i menù del fast food”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta al Mc Donald’s, niente pasto in busta paga: "Costretti a mangiare menù"

Today è in caricamento