Pensionati in piazza (sulla pelle dei giovani): "Stop ai tagli, non siamo un bancomat"

Sabato 1° giugno la grande manifestazione dei sindacati in piazza San Giovanni a Roma: "Diritti azzerati, ora giù le tasse". I numeri però parlano chiaro: la spesa pensionistica italiana è tra le più alte al mondo (e cresce anno dopo anno), mentre quella per istruzione e investimenti è ferma al palo

Foto di repertorio ANSA

"Dateci retta". Con questo slogan sabato 1° giugno i pensionati torneranno in piazza per la manifestazione organizzata in piazza San Giovanni, a Roma, dai sindacati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil (ma parteciperanno anche altre sigle).

Che cosa chiedono i sindacati? La decisione di scendere in piazza - scrive la Uil - "descrive il clima di insofferenza e di insoddisfazione nei confronti delle politiche adottate finora dal governo, che hanno penalizzato ancora una volta milioni di persone anziane". Il primo obiettivo dei manifestanti è quello di denunciare il taglio della rivalutazione delle pensioni (con relativo conguaglio che scatterà il mese di giugno), misura che in un triennio dovrebbe portare risparmi per oltre tre miliardi di euro.

I sindacati: "Le tasse sulle pensioni sono tra le più alte d'Europa"

I sindacati chiedono inoltre di ridurre le tasse sulle pensioni "che risultano essere le più alte d’Europa", "la costituzione di una pensione contributiva di garanzia per i giovani" e, tra le altre cose, "un significativo aumento del finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale che è fortemente al di sotto della media europea" (i virgolettati sono della Spi-Cgil). La Uil Emilia Romagna parla addirittura di "diritti negati, se non azzerati in tutti questi anni e che, con questo Governo, hanno toccato l’apice".

Non bastano quota 100 e pensioni minime a 780 euro

Le misure introdotte dal governo Lega-M5S - quota 100 e pensione di cittadinanza - non sono bastate a placare il popolo dei pensionati. La Spi Cgil, che parla di "pensionati bancomat", afferma che "i continui tagli degli assegni operati in poco meno di dieci anni" hanno portato "ad una perdita pro capite fino a 20mila euro". La stessa pensione di cittadinanza - scrive il sindacato - si è rivelata una "promessa elettorale" dal momento che "la platea sarà la stessa che attualmente richiede l’assegno sociale, ovvero non più di 120 mila nuclei familiari".

E' vero che i pensionati sono tartassati?

Se si guarda ai numeri però le cose stanno in maniera un po’ diversa da come la raccontano i sindacati. Il costo del sistema previdenziale è infatti in deciso aumento, mentre la spesa per investimenti e istruzioni è ferma al palo da anni. Secondo la Corte dei Conti, in termini di incidenza sul Pil nel 2019 la spesa pensionistica è destinata ad aumentare di 6 decimi, portandosi dal 15,3 al 15,9 per cento. Nel rapporto sulla finanza pubblica presentato mercoledì scorso i giudici contabili hanno ricordato che si prospetta una crescita delle uscite per pensioni da 269 miliardi nel 2018 a 305 miliardi nel 2022, con un tasso di incremento medio annuo del 3,2 per cento.

Insomma, la spesa per le pensioni continua schizzare verso l'alto. Di contro quella per gli investimenti è passata dai 54,1 miliardi del 2009 ai 34 miliardi del 2017 (fonte Eurostat). È vero che secondo il Def nei prossimi anni l’incidenza degli investimenti sul Pil dovrebbe passare dal 2,1 del 2018 al 2,6 % nel 2022, ma se si guardano ai dati (tabella in basso) siamo tra i Paesi europei che spendono meno. 

Spesa investimenti Italia-2

Meno investimenti, più soldi per le pensioni

"Negli anni della crisi - scrive la Corte dei Conti - tutte le principali economie hanno ridotto la spesa in termini di Prodotto. Italia e Spagna hanno, tuttavia, avuto gli andamenti più negativi registrando una vera e propria riduzione delle dotazioni di capitale". E c'è di più. "I tagli alle spese di investimento - si legge nel rapporto - sembrano derivare non tanto da esplicite politiche discrezionali di contenimento di questa voce di spesa, quanto piuttosto dalla pressione esercitata da altre voci della spesa pubblica (come quelle nel vasto campodella previdenza e dell’assistenza)".

Nel complesso però "pur in un contesto in cui anche altri Paesi registrano andamenti moderati degli investimenti, la posizione italiana appare peculiare nel panorama europeo".

Istruzione, Italia vs Ue: un confronto impietoso

Quanto all’istruzione, nel rapporto si legge che l’Italia "registra una percentuale di spesa per l’intero sistema (dalla primaria alla terziaria) pari al 3,8 per cento del Pil a fronte del 4,6 per cento della media europea. Inferiore alla media risulta anche il livello della spesa per studente; divario che, tuttavia, si rivela più limitato nella scuola primaria ed aumenta con i livelli di istruzione". Il grafico in basso mostra il gap evidente che ha il nostro Paese nei confronti di Belgio, Francia e Germania.

spesa per istruzione-2

Secondo l'Ocse nel 2016 l'Italia risultava quintultima tra i 28 paesi dell’Unione europea per spese legate all'istruzione. Per quanto riguarda la spesa pensionistica al contrario abbiamo pochi rivali. 

Italia seconda in Ue per spesa pensionistica

L’incidenza della spesa per le pensioni sul Pil è tra le più alte al mondo, sia nei confronti effettuati dall’OCSE sia in quelli effettuati dalla Commissione Europea. In Europa solo la Grecia spende più di noi. I sindacati hanno spesso contestato queste stime in quanto non tengono conto delle tasse che in Italia sono più alte che in altri Paesi. Tuttavia, come spiega l’Osservatorio dei Conti Pubblici di Carlo Cottarelli, le  tasse vanno a finanziare servizi pubblici di cui beneficiano anche i pensionati, mentre altrove (si pensi ad esempio agli Stati Uniti o al Giappone) questi servizi  sono inferiori. In ogni caso, scrive l’Osservatorio, "i dati OCSE mostrano che la posizione italiana non cambia anche al netto della tassazione (…): l’Italia risulta essere, dopo la correzione per tutti i paesi, sempre seconda nella graduatoria in termini di spesa pensionistica su Pil".

Spesa pensioni 3-2

I pensionati sono la categoria meno colpita dalla povertà

Anche i dati Istat sull’incidenza della povertà mostrano come il numero di indigenti sia percentualmente molto inferiore tra la popolazione anziana rispetto ad altre classi di età anagrafiche: nel 2017 viveva in condizioni di povertà assoluta solo il 3,8%  degli anziani contro il 10,40% delle persone di età compresa tra i 18 e i 34 anni. Una forbice che peraltro si è accentuata negli anni della crisi. Ma anche domani i giovani resteranno a casa: saranno pensionati e sindacati a parlare per loro.

dati povertà-2Spesa per pensioni secondo l'OCSE-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Tabella in alto: Osservatorio Conti Pubblici Italiani)

Pensioni, piccolo ritardo per l'assegno di giugno (ma non per tutti)

Pensioni, quando conviene (e quanto costa) la pace contributiva

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

  • Coronavirus, lo stop dei benzinai: "Chiudiamo gli impianti: prima sulle autostrade, poi gli altri"

  • Fabio Cannavaro dalla Cina: "Oggi è finita la quarantena, ecco la mia testimonianza"

Torna su
Today è in caricamento