rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Economia

In pensione 7 anni prima: come funziona l'isopensione

Chiamato anche assegno di esodo, è uno scivolo pensionistico di cui possono usufruire le aziende per gestire gli esuberi del personale: ecco come funziona e chi può chiederlo

Non tutti lo sanno, ma esiste uno scivolo pensionistico chiamato isopensione, che permette ai lavoratori di andare in pensione con 7 anni di anticipo. Questa misura, introdotta dalla riforma Fornero nel 2012, è stata modificata dalla recente legge di Bilancio, in cui è stato alzato a 7 anni l'anticipo con cui si può arrivare alla pensione. L'isopensione non è altro che un accompagnamento alla pensione che le imprese possono utilizzare in caso di eccedenza di personale.

Pensioni, assegni più ricchi nel 2017: ecco tutte le novità

Isopensione, cos'è

L'assegno di esodo, o isopensione, è uno scivolo pensionistico che possono utilizzare le aziende con più di 15 dipendenti, per gestire al meglio gli esuberi del personale, facilitando il pensionamento dei lavoratori più vicini alla pensione. 

Possono usufruire di tale misura le aziende coinvolte in piani di ristrutturazione già in accordo con i sindacati e con l'Inps, che deve controllare le condizioni di validità dell'accordo, come la consistenza dell'organico aziendale.

Isopensione, come funziona

I lavoratori che rientrano nell'accordo stipulato dall'azienda potranno decidere di andare in pensione in anticipo. Fino allo scorso anno si poteva andare in pensione con massimo 4 anni di anticipo, limite portato a 7 anni dall'ultima Manovra economica del Governo, per il triennio dal 2018 al 2020.

L'accordo prevede che l'azienda versi al lavoratore, per tutto il periodo di esodo fino al raggiungimento del massimale previsto, l'assegno di isopensione con importo pari a quello del trattamento pensionistico.Al beneficiario dell’isopensione inoltre non spettano i trattamenti per il nucleo familiare (Anf), mentre si applica l’Irpef. La tredicesima continuerà ad essere pagata regolarmente.

L'assegno viene materialmente erogato dall'Inps, ma soltanto dopo il pagamento avvenuto da parte dell'azienda in questione che è tenuta a garantire tramite una fideiussione bancaria. Considerando che gli oneri di tale procedura saranno integralmente a carico dell'impresa, e non delle casse statali, ad usufruire di tale misura sono spesso le aziende con una particolare consistenza e dimensione economica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In pensione 7 anni prima: come funziona l'isopensione

Today è in caricamento