rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cosa cambia

Aumentano le pensioni: tutti i nuovi importi del 2022

Cosa cambia con la rivalutazione: i calcoli per ogni tipologia di assegno. Il decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 26 novembre

Aumentano gli importi delle pensioni dal 1 gennaio 2022. E' l'atteso effetto dell’adeguamento all’inflazione prevista nel 2021. Viene abbandonato il meccanismo di rivalutazione utilizzato negli ultimi dieci anni per tornare a un meccanismo più semplice, a fasce. In soldoni,  in assenza di correttivi futuri sempre impossibili da escludere, si torna ai tre "scaglioni Prodi", un po' più ricchi per i pensionati rispetto alle rivalutazioni degli ultimi anni. Senza troppi tecnicismi, basti sapere che con questo meccanismo si attua una rivalutazione piena al 100% per le persone fino a 4 volte il minimo (ovvero 2.062 euro lordi), al 90% sulla quota di pensione tra quattro e cinque volte il minimo (fascia tra 2.062 e 2.577,90 euro) e del 75% sulle pensioni oltre cinque volte la quota minima. Per la fascia con indice di perequazione al 90% la rivalutazione effettiva sarà dell'1,5% circa, mentre per chi ha una pensione superiore ai 2577,90 euro il coefficiente scenderà all'1,275%.

Le altre notizie di oggi

Con il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 26 novembre, si specifica che il tasso provvisorio da applicare l'anno prossimo per adeguare le pensioni all'inflazione è dell’1,7 per cento. Ma numeri precisi non possono ancora esserci: è un dato provvisorio in quanto calcolato sui mesi gennaio-settembre, e per ottobre-dicembre c'è solo una stima. A inizio 2023 si applicherà il valore definitivo, che potrà essere uguale, più alto o più basso con contestuale conguaglio a favore o sfavore dei pensionati. Per quel che riguarda i calcoli sul 2020 non ci saranno conguagli a gennaio 2022 sulle pensioni. Infatti - come nota oggi il Sole 24 Ore - "la variazione dell’indice di riferimento calcolato dall’Istat è -0,3%, ma l’adeguamento non può essere negativo e quindi è stato portato a zero (per la terza volta dal 2016 a oggi)".

Rivalutazione Pensioni: gli aumenti dal 1 gennaio 2022

Quindi tutte le pensioni saranno aumentate dell'1,7 per cento? No.

Si procede per fasce, dopoc he dal 2012 a oggi la percentuale di rivalutazione era stata applicata a tutto l'importo con aliquote inversamente proporzionali all’ammontare dell'assegno. L'aumento pieno sarà riconosciuto fino a 2.062,32 euro attualmente pagati. Chi prende pensioni più alte, avrà l’eccedenza rivalutata dell’1,530% fino a 2.577,90 euro, e l’eventuale quota ulteriore sarà rivalutata dell’1,275%.

Facciamo un po' di conti: una pensione di 2.500 euro lordi mensili con le regole attuali sarebbe rivalutato dell’1,309% (il 77% di 1,7) e arriverebbe a 2.532,73 euro. Con il meccanismo a fasce aumenterà a 2.541,76.

Cambia anche la pensione minima: si va dagli attuali 515,58 euro mensili a 524,34 euro. L'assegno sociale passerà da 460,28 a 468.

Cambiano pure i valori soglia minimi per le pensioni contributive. La pensione di vecchiaia non può essere sotto di 1,5 volte all’assegno sociale (controvalore pari a 702,16 euro mensili) mentre la pensione anticipata non dovrà essere inferiore a 1.310,69 euro mensili. Le pensioni ai superstiti non subiranno tagli se il reddito del percipiente sarà inferiore a 20.449,45 euro. Altrimenti, a salire, il taglio sarà del 25, 40 o 50 per cento.

Tredicesima, bonus e taglio Irpef: le buste paga in arrivo per lavoratori e pensionati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumentano le pensioni: tutti i nuovi importi del 2022

Today è in caricamento