Domenica, 28 Febbraio 2021

Pensioni, in attesa della riforma ecco come calcolare l'assegno: data e importo

Nel 2019 cambiano gli importi e scatta l'adeguamento delle soglie previdenziali all'aspettativa di vita. In attesa di capire cosa cambierà sul fronte pensioni, ecco una guida su come calcolare data e importo dell'assegno

Il governo M5s-Lega è al lavoro per rispettare le promesse elettorali fatte agli italiani: quota 100 e quota 41 sono le ipotesi sul tavolo per superare l'impianto della Legge Fornero. La loro introduzione, come vi abbiamo spiegato più volte, è però tutt'altro che scontata: il nodo resta sempre quello delle coperture. In attesa di capire quali e quante risorse impiegare per la riforma delle pensioni, una cosa è certa: a partire da gennaio 2019 scatta l'adeguamento dell'età per andare in pensione all'aspettativa di vita.

Pensioni ultime notizie: cambio età e importi nel 2019

Cosa significa? In sostanza, i requisiti per andare in pensione subiranno una variazione al rialzo con l'aumento di 5 mesi già previsto dalla legge Fornero (qui tutti i dettagli). Altra novità per il 2019 è quella che riguarda gli importi: gli assegni pensionistici subiranno infatti una lieve flessione. La diminuzione degli assegni è un effetto collaterale della Legge Fornero: l'adeguamento automatico del coefficiente di trasformazione per le pensioni. Un esempio: un lavoratore che andrà in pensione a 67 anni, il 2 gennaio 2019, riceverà un trattamento annuo lordo di 13.411 euro, ben 268 euro in meno di un lavoratore che, a parità di montante contributivo e di età anagrafica, andrà in pensione il 31 dicembre 2018 (in questo articolo ulteriori dettagli).

Come calcolare la mia pensione? Data e importo, la guida

In attesa della riforma promessa, come calcolare la mia pensione? E a quanto ammonterà l'assegno? Sono due tra le domande più ricorrenti per i cittadini di qualsiasi provenienza e ceto sociale quando pensano al loro futuro. In Italia le regole pensionistiche sono cambiate spesso e l'argomento genera anche qualche polemica. Esistono tuttavia alcuni strumenti per capire quando si potrà lasciare il lavoro e per ipotizzare la cifra dell'assegno spettante. Il primo è quello messo a disposizione dal sito Irpef.info, che offre un calcolatore che permette di determinare in modo semplice la data in cui si matura il diritto alla pensione e quella in cui sarà effettivamente possibile accedervi. Il calcolatore di Irpef.info comprende le nuove stime Istat sull'aspettativa di vita, che nel 2019 porteranno a 67 anni l'età per la "vecchiaia", altro dato da tenere in considerazione per capire quando si potrà lasciare il lavoro. Qualsiasi cittadino potrà effettuare una simulazione, stando alle normative attualmente in vigore, inserendo alcuni dati tra i quali i contributi totali accreditati ed effettivi espressi in anni o settimane, la natura del lavoro (dipendente o autonomo) e la priorità del pensionamento. Dopo aver compilato tutto, il calcolatore sarà in grado di comunicare la data nella quale si dovrebbe maturare il diritto alla pensione.

La mia pensione futura: simulazione della propria pensione

E quale sarà la cifra della pensione? Uno strumento a disposizione per svolgere questa operazione è il sito internet dell'Inps. La maggiore cassa pensionistica italiana offre infatti un servizio online tramite il quale è possibile controllare i contributi che risultano versati e calcolare l'importo stimato della propria pensione “a moneta costante”, cioè a prescindere dall'andamento dell'inflazione. È possibile inoltre costruire la propria futura pensione confrontando diversi scenari ed effettuando delle simulazioni, per esempio stimando l'effetto economico di un posticipo variando la data di pensionamento. Allo stesso modo, i siti di diverse casse professionali consentono ai propri iscritti di calcolare la propria pensione, come per esempio l'Inpgi per i giornalisti e la Cassa Forense per gli avvocati. Il sito dell'Inps offre anche la possibilità di conoscere in anticipo i dettagli dell'Ape, l'anticipo pensionistico introdotto nel 2017. Il simulatore dell'Inps consente infatti di calcolare l’importo mensile, la durata dell’Ape e la rata di rimborso mensile che sarà decurtata dall’importo della pensione.

Pensioni, 42 anni di contributi o 64 di età: il punto sulla riforma

pensioni eta pensionabile infografica2-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni, in attesa della riforma ecco come calcolare l'assegno: data e importo

Today è in caricamento