Venerdì, 26 Febbraio 2021

Pensioni, occhio ai contributi: come evitare di perderli

I contributi non versati sul fondo Inps o non rivendicati dal lavoratore entro 5 anni vanno persi: ecco come mettersi al riparo dalla prescrizione

Foto di repertorio

La prescrizione indica l'estinzione di un diritto qualora il titolare non lo eserciti entro i termini previsti dalla legge. Un intervallo di tempo che può variare in base ai casi, arrivando anche a 'soli' 5 anni, come per i contributi per la pensione. Infatti, non tutti sanno che gli eventuali contributi non accreditati sul fondo Inps e non rivendicati dal lavoratore entro 5 anni, vanno persi per sempre. Un vero peccato per qualsiasi contribuente. 

Cosa succede nel 2019

Un argomento, quello dei contributi per la pensione, che non può passare inosservato, soprattutto perché dal 1° gennaio 2019 cadranno in prescrizione tutti i contributi ex Inpdap non accreditati sul fondo Inps. Ricordiamo, infatti, che il 1° gennaio 2012 l'Inpdap è stato soppresso e la gestione dei fondi previdenziali dei dipendenti pubblici è stata trasferita all'Inps.

Pensioni, il piano di aumenti del governo: "Fate presto, non si arriva a fine mese"

Tuttavia nel passaggio Inpdap-Inps ci potrebbero essere dei contributi previdenziali che sono andati persi. Ai dipendenti pubblici, che se ne sono accorti facendo l'estratto conto contributivo, l'Inps ha assicurato che presto la loro posizione contributiva verrà regolarizzata. Tuttavia quando mancano pochi mesi alla scadenza dei termini della prescrizione è meglio non rischiare. L'amministrazione ha già prorogato i termini della prescrizione dei contributi ex Inpdap (inizialmente fissata al 1° gennaio 2018), quindi non c’è alcuna possibilità di un'ulteriore proroga.

Pensioni, dall'Inps super assegni: dopo Luglio anche a Settembre

Come non perdere i contributi 

Ecco perché consigliamo ai dipendenti pubblici di utilizzare la procedura telematica, disponibile sul sito Inps con il servizio 'Richiesta di Variazione della Posizione Assicurativa (RVPA) dipendenti pubblici' per segnalare errori e mancanze del proprio estratto conto contributivo. Solo segnalando un errore e chiedendo il corretto accredito dei contributi ex Inpdap mancanti, infatti, il lavoratore si mette al riparo dalla prescrizione. Se volete essere sicuri che i vostri contributi non vadano persi vi consigliamo di andare sul sito dell'Inps per fare l'estratto conto contributivo, così da rendervi conto se è tutto in regola oppure se anche voi siete stati vittime degli errori riscontrati con il passaggio dall'Inpdap all'Inps.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni, occhio ai contributi: come evitare di perderli

Today è in caricamento