Sabato, 23 Gennaio 2021

Aumenta il numero degli ex dipendenti pubblici sui conti Inps e cala il peso delle pensioni

Nel 2017 è salito il numero di dipendenti pubblici in pensione rispetto all'anno precedente, secondo i dati diffusi dall'Osservatorio sulle pensioni della Gestione Dipendenti Pubblici

Cresce il peso degli (ex) dipendenti pubblici sulla previdenza, secondo i dati diffusi dall’Osservatorio sulle pensioni della Gestione Dipendenti Pubblici (GDP) relativi al 2017.

Nel 2017 i dipendenti pubblici andati in pensione sono saliti dell’8,4% rispetto all’anno precedente: ne sono state infatti liquidate 124.464.

All’1 gennaio risultano 2.864.050 pensioni a ex dipendenti pubblici erogate dall’Inps, in aumento dello 0,7% rispetto all’anno precedente (2.843.256). L’importo complessivo annuo delle pensioni è di 69.328,8 milioni di euro, con incremento del 2,6% rispetto al 2017 (67.577,3 milioni di euro).

L'importo medio delle pensioni liquidate nel 2017 è stato di 2.069 euro al mese, mentre quello di tutte le pensioni vigenti dei dipendenti pubblici a inizio 2018 è di 1.862 euro. Il 55,4% delle pensioni è erogato a favore di ex statali ed è in carico alla Cassa Trattamenti Pensionistici Statali (CTPS), cui fa capo una spesa pari al 56,5% del totale; il 39,8% delle pensioni (pari al 33% dell’esborso) fa capo alla Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali (CPDEL); il resto è a carico di casse specifiche per particolari categorie di ex dipendenti pubblici.

Pensioni, rischio assegni più bassi con la quota 100 

Il 56,8% delle pensioni erogate nel 2018 sono di anzianità o anticipate, con importi annui pari a 43.573,4 milioni di euro; il 13,4% sono pensioni di vecchiaia per un importo di 11.244,4 milioni di euro; le pensioni di inabilità sono il 7,9% e il restante 21,8% è costituito, complessivamente, dalle pensioni erogate ai superstiti di attivo e di pensionato. Il 58,6% del totale dei trattamenti pensionistici è erogato alle donne. Per quanto riguarda, invece, le pensioni liquidate nel 2017, la categoria delle pensioni di anzianità/anticipate è stata la più numerosa con il 51,6% del totale e importi complessivi annui di 2.201,6 milioni di euro (65,8% del totale); le pensioni ai superstiti hanno rappresentato il 30,5% del totale a volume e il 16% a valore; le pensioni di vecchiaia e di inabilità sono state rispettivamente circa il 12% e il 6% sia nel numero sia nell’importo.

Pensioni 2018: notizie, novità, calcolo e tutto quello che c'è da sapere 

Il maggior numero di prestazioni si concentra al Nord (40,9% del totale), seguito dal Sud (36%) e dal Centro (23%), le pensioni erogate all’estero sono lo 0,1% del totale. Le regioni con il maggior numero di pensioni pubbliche sono Lombardia e Lazio (erogano rispettivamente l’11,8% e l’11,6% del totale), seguite da Campania (9,2%) e  Sicilia (8,3%). Le regioni che erogano il minor numero di pensioni sono Valle d’Aosta (0,2%), Molise (0,6%) e Basilicata (1%).

Il 49,8% delle pensioni pubbliche oscilla tra 1.000 e 1.999,99 euro al mese, il 24,5% tra 2.000 e 2.999,99; il 17% è inferiore ai 1.000 euro e l’8,8%, parte dai 3.000 euro mensili lordi in su. L’età media complessiva dei titolari di pensioni di vecchiaia e anzianità/anticipate è di 73,6 anni sia per gli uomini che per le donne; quella dei titolari di pensione di inabilità si discosta di oltre tre anni tra i due sessi (70,8 per gli uomini e 73,9 per le donne); infine l’età media della categoria superstiti è molto differenziata tra i due sessi, essendo pari 71,3 anni per gli uomini e a 78,6 anni per le donne.

Dal blog "Asso di denari" di Carlo Sala

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumenta il numero degli ex dipendenti pubblici sui conti Inps e cala il peso delle pensioni

Today è in caricamento