Operativa la flat tax per i pensionati che si trasferiscono al Sud (ma occhio ai paletti)

L'agenzia delle entrate ha emanato il decreto attuativo del nuovo regime fiscale previsto dalla legge di bilancio 2019 dedicato ai pensionati residenti all'estero che si trasferiscono in una piccola città del Mezzogiorno

Inizia una nuova era per il Meridione che diventa un piccolo paradiso fiscale per i pensionati: con il provvedimento attuativo emanato dall'agenzia delle entrate è infatti operativa la flat tax per i pensionati residenti all'estero che si trasferiscono al Sud.

La misura contenuta nella legge di bilancio 2019 prevede un nuovo regime fiscale con un'aliquota al 7% su tutti i redditi di fonte estera di pensionati che negli ultimi 5 anni erano residenti fuori dall'Italia, e che si trasferiscono in una piccola città del Mezzogiorno.

Flat tax Sud: i requisiti

Attenzione però ai paletti: potranno godere del beneficio fiscale solo i soggetti non residenti, non solo stranieri ma anche italiani, che percepiscono redditi da pensione di fonte estera, che si trasferirà in una città con meno di 20mila abitanti

Il dato riferito al Comune fa riferimento al 1° gennaio dell’anno antecedente al primo anno di validità come da "Rilevazione comunale annuale del movimento e calcolo della popolazione" pubblicata sul sito dell’Istat.

Inoltre dovrà essere ubicata in una delle seguenti regioni: Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia.

Infine il regime fiscale agevolato è valido per soli 5 anni e sarà possibile richiederlo solo se si è residenti all'estero da almeno 5 anni.

Come funziona la flat tax per i pensionati

Sono centinaia i Comuni con meno di 20mila abitanti che si candidano a ripopolarsi grazie ai pensionati. La misura voluta dal senatore della Lega eletto in Abruzzo Alberto Bagnai, prevede che le maggiori entrate che finiranno nel bilancio dello Stato grazie a questo provvedimento vadano a costituire un "fondo per i poli universitari tecnico-scientifici nel Mezzogiorno".

Flat tax Sud: i chiarimenti dell'agenzia delle entrate

Il provvedimento dell'agenzie delle entrate chiarisce che il contribuente possa trasferire dal secondo anno la residenza in un altro comune del Sud con le stesse caratteristiche indicate dalla norma, mentre l'agevolazione decade qualora durante l'attività di controllo sia accertata la sussistenza della residenza fiscale in Italia nei cinque anni precedenti.

E comunque, la revoca dell'opzione e la decadenza dal regime precludono l'esercizio di una nuova opzione.

Flat tax Sud, come funziona

Per ciascun periodo di imposta di efficacia del regime, entro la data prevista per il versamento del saldo delle imposte sui redditi, i soggetti che hanno esercitato l’opzione provvedono al versamento, in un’unica soluzione, dell’imposta sostitutiva dovuta, calcolata in via forfettaria con l’aliquota del 7 per cento sui redditi prodotti all’estero. In una successiva risoluzione sarà istituito il codice tributo ad hoc da indicare in fase di versamento e saranno impartite le specifiche istruzioni per la compilazione del modello F24.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il concorso “per tutti” (o quasi): 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 10 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Sciopero dei benzinai: per due giorni "senza" stazioni di servizio

Torna su
Today è in caricamento