Giovedì, 4 Marzo 2021

Pensioni, l'ordinanza della Protezione Civile: quando arriva l'assegno a gennaio e febbraio

Pagamenti anticipato anche nei prossimi due mesi per evitare assembramenti agli sportelli postali: i dettagli

Foto di reperrtorio

Anche a gennaio e febbraio le pensioni saranno pagate in anticipo come avviene ormai dall’inizio dell’emergenza sanitaria. È quanto viene disposto in un’ordinanza  approvata ieri dal capo della Protezione Civile  Angelo Borrelli (si tratta della n. 723 del 10 dicembre).

“Allo scopo di consentire a Poste Italiane S.p.A. la gestione dell’accesso ai propri sportelli dei titolari del diritto alla riscossione delle predette prestazioni, in modalità compatibili con le disposizioni in vigore adottate allo scopo di contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da COVID-19, salvaguardando i diritti dei titolari delle prestazioni medesime, il pagamento dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, di cui all’articolo 1, comma 302, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 e successive integrazioni e modificazioni,

  • di competenza del mese di gennaio 2021, è anticipato dal 28 dicembre 2020 al 2 gennaio 2021;
  • di competenza del mese di febbraio 2021, è anticipato dal 25 gennaio 2021 al 30 gennaio 2021”.

Il pagamento anticipato sarà dunque possibile solo per chi ritira la propria pensione presso gli sportelli di Poste. Non sono state finora rese note le date di pagamento per cognome, bisognerà dunque attendere ancora un po’ per sapere con certezza in quale giorno bisognerà recarsi allo sportello.  

“Resta fermo che - si legge ancora nell’ordinanza -, ad ogni altro effetto, il diritto al rateo mensile delle sopra citate prestazioni si perfeziona comunque il primo giorno del mese di competenza dello stesso”.

Pagamento in contanti per le pensioni di invalidità civile

Nell’articolo 2 dell’ordinanza viene inoltre specificato che “in deroga alle disposizioni vigenti”, i pagamenti mensili superiori a mille euro delle prestazioni di invalidità civile corrisposte dall’Inps, “a partire dal mese di novembre fino al termine dello stato di emergenza, possono essere riscossi in contanti allo sportello degli istituti di credito e di Poste Italiane S.p.A.”.

Gli istituti di credito e Poste Italiane, si legge ancora “adottano, nei confronti dei predetti beneficiari, ogni iniziativa diretta a favorire l’apertura di conti correnti e di libretti di risparmio dotati di codice IBAN, nonchè il rilascio di carte prepagate ricaricabili dotate di codice IBAN per consentire l’adeguamento alla normativa di tali pagamenti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni, l'ordinanza della Protezione Civile: quando arriva l'assegno a gennaio e febbraio

Today è in caricamento