rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Previdenza

Perché le pensioni minime non arriveranno mai a 1.000 euro al mese

"È irrealizzabile. Costerebbe 27 miliardi l'anno e l'Inps in pochi anni andrebbe in default" dice il presidente del centro studi e ricerche Itinerari Previdenziali, Alberto Brambilla

Portare le pensioni minime a 1.000 euro al mese? "È irrealizzabile. Costerebbe 27 miliardi l'anno e l'Inps in pochi anni andrebbe in default". A dirlo è il presidente del centro studi e ricerche Itinerari Previdenziali, Alberto Brambilla, nel corso della presentazione del decimo rapporto "Il bilancio del sistema previdenziale italiano. Andamenti finanziari e demografici delle pensioni e dell'assistenza per l'anno 2021". "Se fossero garantiti a tutti 1.000 euro al mese, pur non avendo versato i contributi - aggiunge Brambilla - potrebbero risentirsi quei lavoratori che versando i contributi arrivano a 1000 euro al mese, che netti diventano poi meno".

Il sistema pensionistico italiano regge a patto però di compiere scelte oculate su anticipi ed età di pensionamento e di migliorare la politica industriale del Paese. Queste le conclusioni del decimo Rapporto sul sistema previdenziale italiano redatto dal Centro Studi e Ricerche 'Itinerari Previdenziali' presieduto da Alberto Brambilla e che analizza gli andamenti finanziari e demografici delle pensioni e dell'assistenza per l'anno 2021.

Dopo la discesa imputabile al COVID-19, torna a migliorare il rapporto attivi/pensionati, fondamentale indicatore di tenuta della previdenza italiana: il valore si attesta a quota 1,4215, grazie alla ripresa dell'occupazione, contro 1,384 dell'anno precedente. Seppure in miglioramento, il dato resta dunque piuttosto distante dall'1,5 ritenuta soglia minima necessaria per la stabilità di medio-lungo termine del sistema. Al netto dell'assistenza, spiega lo Studio, il sistema pensionistico risulta in equilibrio ma la sua stabilità rischia di essere minata dalle troppe eccezioni alla riforma Monti-Fornero, dall'incapacità di affrontare adeguatamente l'invecchiamento della forza lavoro e da livelli occupazionali da fanalino di coda in Europa, per quanto in miglioramento.

La riforma delle pensioni deve introdurre un "criterio di flessibilità universale" secondo Cesare Damiano, ex ministro del Lavoro e presidente di `Lavoro e welfare'. "Domani - spiega - si apre il confronto tra Governo e parti sociali sul tema delle pensioni. Il ministro del Lavoro Marina Calderone, dopo le misure-ponte della legge di Bilancio, ha annunciato una riforma `strutturale' del sistema. Questo intervento, che ci auguriamo arrivi a buon fine, è la condizione di partenza per superare la legge Fornero, che non è mai stata cancellata, al di là delle dichiarazioni propagandistiche e delle promesse elettorali". Per Damiano "la chiave di volta è quella di introdurre un criterio universale di flessibilità nell'uscita dal lavoro verso la pensione, mano a mano che, con il passare del tempo si restringe, fino a scomparire, la platea dei lavoratori cosiddetti `retributivi'".

"Il modello di flessibilità - secondo l'ex ministro - deve tener conto, ovviamente, della diversa condizione dei lavori gravosi e usuranti. Accanto a questo si tratta di assicurare ai giovani una pensione di garanzia dignitosa, nonostante la discontinuità del lavoro, valorizzando i loro contributi: ad esempio, attraverso il riconoscimento dei periodi formativi; di riconoscere il lavoro di cura ai fini contributivi, in particolare quello delle donne; infine, di tornare a valorizzare e rilanciare la previdenza complementare, anche attraverso un nuovo periodo di silenzio assenso per l'iscrizione ai Fondi". Conclude Damiano: "Occorrerà anche aprire un confronto sul tema della indicizzazione delle pensioni, dopo il taglio effettuato dall'ultima legge di Bilancio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché le pensioni minime non arriveranno mai a 1.000 euro al mese

Today è in caricamento