Giovedì, 21 Gennaio 2021
Pensioni

Pensioni: "Quota 100 subito", il sondaggio che ha convinto il governo

Matteo Salvini rilancia la riforma del sistema previdenziale, ma non indica né tempi certi né coperture. Secondo una rilevazione condotta da SWG quasi un italiano su due vorrebbe il superamento dell'attuale normativa

Matteo Salvini

Matteo Salvini rilancia la riforma della pensioni. Intervenuto all’assemblea di Confesercenti, il vicepremier e ministro degli Interni assicura che l’obiettivo prioritario dell’esecutivo "è smontare pezzo per pezzo la legge Fornero, introducendo subito la quota 100" perché "41 anni di anzianità contributiva penso siano sufficienti".

Sui tempi però Salvini non si sbilancia: al di là dei propositi annunciati, dunque, non è ancora chiaro quando l’esecutivo passerà ai fatti. In un articolo pubblicato ieri spiegavamo che difficilmente la quota 100 potrà vedere la luce prima del prossimo autunno. Bisogna infatti considerare varie incognite: oltre tempi tecnici - la riforma del sistema previdenziale ha bisogno di un lungo lavoro preparatorio - va anche sottolineato che il ministro dell’economia Giovanni Tria sembra avere una posizione molto meno spregiudicata di Salvini e Di Maio in tema di deficit e spesa.

Il sondaggio: "Riforma pensioni punto più apprezzato dagli italiani"

Di sicuro però i due azionisti principali del partito di governo faranno di tutto per stringere i tempi. Dopotutto la riforma delle pensioni costa meno di flat tax e reddito di cittadinanza, ma garantisce un ritorno in termini di voti in percentuale molto maggiore.

Secondo un sondaggio condotto da SWG per Confesercenti, quasi un italiano su due vorrebbe infatti il superamento della legge Fornero. La revisione della riforma sulle pensioni è insomma il punto del contratto di governo più apprezzato dai cittadini, sottoscritto dal 44% degli intervistati.

Seguono (a grande distanza) l'introduzione del reddito di cittadinanza ed il varo della flat tax, che convincono rispettivamente il 21 ed il 20% degli italiani. Ma c'è anche un 9% che si dice d'accordo con tutti e tre i principali punti del programma del nuovo esecutivo, ed un 15%, invece,che è contrario.

pensioni eta pensionabile infografica-3

Il governo riuscirà a mantenere le promesse? Italiani divisi

 Per quanto riguarda il giudizio sull'effettiva realizzabilità delle proposte, però, i pareri dell'opinione pubblica sono contrastanti. Solo il 3% pensa che il nuovo esecutivo sarà davvero capace di mettere completamente in atto tutto quello che ha promesso; ma c'è anche un 22% che ritiene che comunque si realizzerà gran parte del piano contenuto nel contratto di governo.

Il 35% degli italiani - la maggior parte relativa - scommette invece solo sulla realizzazione dei punti principali, mentre il 28% è pessimista, e pensa che il nuovo esecutivo non sarà in grado di portare a casa nemmeno uno degli interventi in programma.

Salvini, Flat tax sarà impostata già nel 2018

Ma all’assemblea di Confesercenti Matteo Salvini ha parlato anche di Flat Tax, spiegando che oltre a non aumentare l’Iva l’esecutivo intende "impostare già nel 2018 la rivoluzione fiscale basata sulla flat tax" partendo "dai redditi degli imprenditori per poi arrivare alle famiglie".

Come ha ammesso però di recente il senatore leghista Armando Siri, in realtà "la Flat Tax per le imprese c'è già", e l’obiettivo è estenderla "anche alle società di persone, alle Partite Iva etc". La tassazione sui redditi di impresa, che ora si chiama Ires, è stata peraltro di recente ridotta dal 27,5% al 24% dal governo Renzi.

La Flat tax e gli effetti sull’economia

Secondo un’analisi condotta da Cer Ricerche per Confesercenti, la flat tax dovrebbe portare ad un aumento di 1,5 punti di consumi - pari a quasi 15 miliardi di euro in più - rispetto allo scenario base attuale, per poi assestarsi negli anni successivi in un aumento dello 0,2% (o due miliardi in più) all'anno.

Come arrivare alla pensione con contributi volontari

La sua introduzione riporterebbe dunque, dopo dieci anni, i consumi degli italiani ai livelli pre-crisi. I risultati dello studio evidenziano anche un'accelerazione del Pil di 1,1 punti che però si verificherebbe solo nell'anno di introduzione,per poi riassorbirsi completamente in quelli seguenti. Non vi dimenticato però il costo sarebbe molto salato: si parla di 50 miliardi di euro.

In pensione con la Quota 100, a chi conviene la riforma (e chi ci perde) 

Pensioni 2018: notizie, novità, calcolo e tutto quello che c'è da sapere

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni: "Quota 100 subito", il sondaggio che ha convinto il governo

Today è in caricamento