rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
Economia Italia

L'economia italiana cresce... meno del resto dell'Europa

Migliorano leggermente le prospettive del Fondo monetario internazionale per l'economia italiana nel 2018, vista in crescita dell'1,5%, stesso passo registrato nel 2017; ma per il 2019 è atteso un misero +1,1 per cento

L'Italia è il Paese che cresce meno nell'Eurozona. È quanto emerge dalle tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'Fondo monetario internazionale redatto nell'ambito degli Spring Meetings, che da giovedì prossimo entreranno nel vivo a Washington, negli Stati Uniti.

Il Fondo monetario internazionale si aspetta che il Pil nel nostro Paese cresca dell'1,5% quest'anno, così come nel 2017. Le stime per il 2018 sono state alzate di 0,1 punti rispetto all'aggiornamento del Weo dello scorso gennaio e di 0,4 punti rispetto all'edizione del documento elaborata lo scorso ottobre.

pil italia-2Per il 2019, le previsioni sono rimaste invariate rispetto ai calcoli fatti a gennaio, ma sono aumentate di 0,2 punti rispetto al Weo dell'autunno. Nel 2016 - ricorda il Fondo - il nostro Paese aveva registrato un'espansione dell'1,1% e nel 2015 dello 0,9 per cento. Per il 2023, l'istituto di Washington prevede ancora un Pil italiano pro capite in rialzo dello 0,8% (per le stime legate al periodo 2020-2022 bisogna aspettare la pubblicazione, prevista domani, del Fiscal Monitor).

L'Italia resta però in fondo, superata da Germania (+2,5%), Francia (+2,1%), Spagna (+2,8%) e anche Grecia (+2%).

In Spagna vola l'economia: +2,8%

Ancora una volta è la Spagna a registrare un'espansione economica superiore agli altri. A Madrid il Pil è previsto in rialzo del 2,8% nel 2018 e del 2,2% nel 2019, dopo un +3,1% nel 2017; a Berlino è atteso un +2,5% quest'anno e un +2% il prossimo; a Parigi è atteso un +2,1% nel 2018 e un +2% nel 2019, dopo un +1,8% nel 2017; a Roma è previsto un +1,5% nell'anno in corso e un +1,1% nel prossimo.

Il Fondo però avverte che la crescita di medio termine rallenterà a +1,4%, "frenata da una produttività bassa, a fronte di sforzi deboli sul piano delle riforme e trend demografici sfavorevoli". Per il momento, i tassi di crescita "al di sopra del trend" rappresentano un "contributo importante al tanto atteso rafforzamento dell'attività economica nelle economie avanzate". Stando a quanto contenuto nel Weo, la disoccupazione scenderebbe all'8,4% quest'anno, 0,7 punti in meno del 2017, e all'8,1% il prossimo.

fmi previsioni pil-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'economia italiana cresce... meno del resto dell'Europa

Today è in caricamento