Perché la strada italiana per evitare la procedura d'infrazione è sempre più stretta

La Commissione chiede di mettere sul tavolo circa 10 miliardi di euro. La distanza con la posizione del governo di Roma è ancora troppo ampia. Oggi Conte a Bruxelles

Ansa

È in salita la strada del governo per evitare l'avvio da parte di Bruxelles della procedura di infrazione per deficit eccessivo a causa del debito nei confronti dell'Italia. La distanza tra la posizione del governo di Roma che il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, illustrerà oggi a Jean Claude Juncker, e quella della Commissione europea è ancora troppo ampia.

A che punto è la trattativa? Per rispettare le regole e consentire una adeguata correzione del deficit in rapporto al pil e migliorare anche il saldo strutturale, la Commissione chiede di mettere sul tavolo circa 10 miliardi di euro (lo 0,5-0,6% del pil). Il disavanzo per il 2019 dovrebbe quindi scendere all'1,8-1,9% del pil dal 2,4% previsto nel Documento Programmatico di Bilancio. In sostanza, il livello a cui era disposto ad arrivare il Ministro dell'economia e delle finanze, Giovanni Tria, nel Consiglio dei Ministri 'del balcone' del 27 settembre scorso.

Che cosa proporrà Conte a Bruxelles

Il premier Conte oggi invece dovrebbe presentarsi a Bruxelles con una proposta diversa, tra 3,7 e 5,5 miliardi, che consentirebbe al deficit di scendere al 2,1-2,2% del pil. D'altra parte il governo giallo-verde sarebbe già consapevole di non poter far partire il reddito di cittadinanza e quota 100 per il pensionamento anticipato nei primissimi mesi del nuovo anno e i relativi risparmi potranno essere conteggiati a be neficio del deficit.

Reddito di cittadinanza e quota 100, la nuova ipotesi è "con tetto"

Perché la strada è sempre più stretta

Il dialogo continua, come viene spiegato dal governo italiano e dal presidente della Commissione Ue, dal vice presidente Valdis Dombrovskis e dal commissario Pierre Moscovici, ma è probabile che anche la giornata di oggi si concluda con un nulla di fatto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto - secodo Askanews - l'Italia potrebbe trovare conveniente cercare di dilazionare un po' i tempi per aspettare l'esito delle vicende francesi. Il presidente Emmanuel Macron ha annunciato interventi che aumenterebbero il rapporto deficit/pil. Per il momento si tratta di annunci e non di decisioni assunte e trasferite in un nuovo Draft Budgetary Plan. Ma certo, se a 'sforare' sono due grandi Paesi fondatori dell'Unione, la Commissione - è la speranza del governo italiano - potrebbe essere indotta ad assumere un atteggiamento diverso, anche considerando le spinte politiche che sono alla base delle politiche espansive adottate dall'Italia e annunciate dalla Francia.

Sondaggi, Salvini sorride "solo a metà": c'è un'inattesa brutta notizia per lui e per Di Maio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Angelica Donati, figlia di Milly Carlucci, ottiene una carica istituzionale da record

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 1 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Elezioni regionali 2020: tutti gli ultimi sondaggi e le ultime notizie

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 4 agosto 2020

  • Uomini e Donne, l'ex tronista Ludovica Valli: "Sto male, analisi costanti ma mi fido dei medici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento