rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
scandalo volkswagen

Scandalo Volkswagen, anche l'Italia contro la stretta Ue sui gas di scarico

La Commissione ha proposto un giro di vite sulle emissioni di ossidi d'azoto ma la maggioranza degli Stati membri (compresa l'Italia) è contraria nonostante le reazioni indignate delle loro opinioni pubbliche al dieselgate

Il giro di vite proposto dalla Commissione europea sulle emissioni di ossido d'azoto delle auto dopo lo scandalo Volkswagen non ha trovato il favore dei governi dei paesi Ue.

La maggioranza di questi, Italia inclusa, è contraria alle misure suggerite dalla Commissione per assicurare il rispetto dei limiti delle emissioni di ossidi d'azoto (NOx) dai veicoli a motore. La proposta di Bruxelles imporrebbe, a partire dal settembre 2017, di effettuare i controlli di conformità dei veicoli non più in base a test di laboratorio ma in condizioni di guida reali. Secondo la proposta, per dare all'industria il tempo di adattarsi, vi sarebbe comunque una tolleranza di due anni per "sforamenti" non superiori al 60% dei valori massimi previsti dalla norma Euro 6 (80 mg per km), che sarebbe applicata pienamente solo a partire dal settembre 2019.

A quanto risulta dalle risposte preliminari che l'Esecutivo comunitario doveva ricevere dagli Stati membri entro il 16 ottobre, solo l'Olanda e i paesi scandinavi appoggiano la proposta della Commissione, mentre la Francia ha una posizione "possibilista"; quasi tutti gli altri paesi membri chiedono o più tempo o maggiore tolleranza nel periodo intermedio - con un "fattore di conformità" più alto dell'1,6 proposto dalla Commissione (l'Italia vorrebbe un fattore 2, altri addirittura il 3) - o tutte e due le cose insieme. La Germania sembra contraria a tutto, anche se lascia che siano gli altri governi a scontrarsi con la Commissione.

Dopo gli interventi e le apparenti aperture dei ministri dell'Ambiente di diversi paesi membri al Consiglio Ue svoltosi oggi a Lussemburgo, la commissaria europea al Mercato interno Elzbieta Bienkowska è apparsa stasera ottimista sulla possibilità di arrivare a un compromesso, che ha definito "vicino"; tuttavia, sembra piuttosto difficile che l'Esecutivo Ue possa far passare la sua proposta al comitato tecnico che voterà la proposta mercoledì 28 ottobre a Bruxelles.

Appare più probabile che il giro di vite prospettato dalla Commissione sia invece bloccato da una maggioranza qualificata contraria di Stati membri (Italia compresa), nonostante le reazioni indignate delle loro opinioni pubbliche allo scandalo Volkswagen

Volkswagen, tra successi e scandali | Foto InfoPhoto

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo Volkswagen, anche l'Italia contro la stretta Ue sui gas di scarico

Today è in caricamento