Lunedì, 26 Luglio 2021
Età media 50 anni

Come cambierà il pubblico impiego in Italia con il Pnrr

L'età media oggi come oggi è 50 anni, con ampie differenze tra i comparti: il numero di lavoratori del pubblico impiego è tornato a scendere nel 2020, fissandosi a 3.212.450, circa 31 mila persone in meno rispetto all'anno prima. Il Pnrr cambierà più di qualcosa: "Sono necessarie nuove persone e nuove competenze"

Cara vecchia pubblica amministrazione, vien da dire. La P.A. italiana è anziana. L'età media è 50 anni, con ampie differenze tra i comparti: supera i 55 anni in enti come Cnel, Presidenza del consiglio e Carriera Penitenziaria, è di 39 anni nelle Forze Armate. Gli over 60 rappresentano il 16,3%, gli under 30 appena il 4,2%. È "pensionabile", perché ha già compiuto 62 anni, il 16,3% del totale, oltre 500 mila persone, ma ce ne sono anche 180 mila che hanno maturato 38 anni di anzianità. Guardando solo l'anzianità contributiva, da Regioni e autonomie locali potrebbe andare in pensione il 10,9% dei dipendenti, dalle amministrazioni ministeriali il 15,2%. Guardando il requisito anagrafico si stima un'uscita di circa 105 mila persone dal Ssn nell'arco dei prossimi 3-4 anni, di 215 mila persone dalla scuola.

Questi e tanti altri numeri emergono della ricerca sul lavoro pubblico, presentata questa mattina da Fpa, società del Gruppo Digital360, a Forum P.A. 2021, la manifestazione che da oggi al 25 giugno ospiterà oltre 200 eventi in streaming sul tema guida "Connettere le energie vitali del Paese", attorno alle missioni, agli obiettivi e agli interventi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Calano i dipendenti del pubblico impiego

Dopo una discesa durata oltre 10 anni, il numero dei dipendenti pubblici era risalito dello 0,5% nel 2019. Ma il numero è tornato a scendere del -0,97% nel 2020, fissandosi a 3.212.450, circa 31 mila persone in meno rispetto all'anno precedente. Prefetti, Ministeri, Agenzie Fiscali, Enti Pubblici non economici e Città Metropolitane hanno perso tra il 5% e il 7% del personale, i Comuni più del 2%. L'unico comparto con una crescita significativa dell'occupazione a tempo indeterminato è la Sanità.

In Italia opera nel settore pubblico il 13,4% dei lavoratori, meno che in Francia (che ha 5,6 milioni di dipendenti pubblici, il 19,6% del totale dei lavoratori), in Regno Unito (5,2 milioni, il 16%,) o in Spagna (3,2 milioni, il 15,9%) ma più della Germania (4,8 milioni, il 10,8% del totale). Nel confronto con questi paesi è più basso anche il, rapporto tra numero dei dipendenti pubblici e residenti: in Italia sono il 5,6%, in Francia l'8,4%, in Inghilterra il 7,8% e nella Spagna il 6,8%.

Sulla formazione dei dipendenti pubblici l'Italia continua ad investire poco. Nel 2019, l'ultimo anno fotografato dalla Ragioneria dello Stato, l'investimento complessivo è stato di 163,7 milioni di euro, 110 milioni in meno rispetto a 10 anni fa, che corrispondono a una media di 1,2 giorni di formazione l'anno.

4 su 10 sono laureati

I laureati nella P.A. sono il 41,5%, cresciuti del 21,5% negli ultimi 10 anni, ma con un predominio di giuristi: 3 su dieci sono laureati in giurisprudenza, il 17% in economia, il 16% in scienze politiche o sociologia. Secondo i dati Istat la formazione è soprattutto su competenze tecnico specialistiche (45,2% dei partecipanti) e giuridico - normativa (30,9%), mentre solo una minoranza ha svolto corsi per accrescere competenze digitali (5%) o di project management (2,3%).

Nel 2020 l'Italia ha speso 173,4 miliardi di euro per i redditi da lavoro dipendente nel settore pubblico, +0,3% rispetto al 2019, un incremento ben inferiore al +2,4% inizialmente preventivata per la crescita di personale. Ma nei prossimi anni si prospetta una crescita a livelli mai raggiunti nell'ultimo decennio, tra rinnovi contrattuali e arretrati, perequazioni, aumenti Covid per il personale sanitario e assunzioni in deroga: la spesa per redditi aumenterà di circa 4 miliardi nel 2021, per raggiungere il picco di 187 miliardi nel 2022. Un calo delle entrate complessive di 54 miliardi e maggiori spese per 75 miliardi, invece, hanno portato l'indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche nel 2020 a -156.860 milioni di euro, il 9,5% del Pil, in aumento di circa 129 miliardi rispetto al 2019 (quando era -27.901 milioni di euro, l'1,6% del Pil).

Prima della pandemia il ricorso a forme di lavoro agile era sostanzialmente irrilevante, circa l'1% nel 2019 secondo l'Istat. I provvedimenti del Governo hanno portato in smart working un dipendente della P.A. su tre (il 33%) nel secondo trimestre 2020. Un buon risultato, anche se avrebbero potuto essere oltre il doppio, considerando che il 64,9% delle professioni della P.A. si potrebbe svolgere anche a distanza. Lo smart working, oltre a far sperimentare alle organizzazioni pubbliche una modalità inedita di organizzazione del lavoro è stato determinante per preservare i posti di lavoro: nei primi tre trimestri del 2020, tra i diversi settori economici solo la P.A. non ha subito contraccolpi occupazionali della crisi (con posizioni lavorative e monte ore lavorate pressoché invariate).

Lo smart working (non per tutti)

Non per tutti lo smart working è stato possibile. Una grande fetta della Pubblica amministrazione, il 58% del totale che lavora nell'istruzione e nella sanità, si è trovata a lavorare sulla linea di fuoco. Il settore della sanità e assistenza sociale registra il 66,5% di tutte le denunce di infortunio sul lavoro da Covid19 all'Inail nel comparto industria e servizi da inizio epidemia al 30 aprile 2021, seguito dall'amministrazione pubblica (tra cui Asl, regioni, province e comuni) con il 9,2%. E la sanità conta anche la maggioranza (26%) di denunce di infortunio con esito mortale da Covid19. La professione più coinvolta dai contagi durante l'emergenza è quella dei tecnici della salute (38% di denunce Inail, soprattutto infermieri), seguita dall'operatore socio-sanitario con il 18,7%, il medico con l'8,7%, l'operatore socio-assistenziale con il 7,1%.

Nel Pnrr saranno previsti investimenti in Capacità Amministrativa della P.A. per 1,3 miliardi di euro, più ulteriori 0,4 miliardi di fondi strutturali Ue e cofinanziamento nazionale. Nel dettaglio, investiremo l'1,6% del totale previsto, pari a 20,5 milioni di euro, in politiche e strumenti per l'accesso e il reclutamento, a cui sommare 4,5 milioni del POC - Pon Governance; il 57,9%, pari a 734,2 milioni di euro, nella Buona Amministrazione, più 4 milioni che stiamo già spendendo sul Pon Governance 21-23; il 40,5%, pari a 514,2 milioni di euro, in Competenze e Carriere delle persone, a cui vanno sommate risorse complementari per 392 milioni.

"Il Pnrr può davvero essere l'opportunità per ripensare e rinnovare il settore pubblico"

"Il Pnrr (piano nazionale di ripresa e resilienza) può davvero essere l'opportunità per ripensare e rinnovare il settore pubblico, ma allo stesso tempo serve una nuova P.A. per realizzare le missioni previste, connettendo i soggetti dell'innovazione, instaurando un dialogo continuo tra centro e periferia, mettendo a sistema le migliori esperienze già realizzate - afferma Gianni Dominici, direttore generale di Fpa -. Sono necessarie nuove persone e nuove competenze, pianificando in modo mirato gli effettivi fabbisogni, con procedure fortemente selettive, che permettano di individuare le figure più utili alle esigenze delle singole amministrazioni. Come dimostra l'esperienza del Covid, è necessario rendere la forza di lavoro pubblica capace di governare e pianificare l'incertezza e sostenere la ripresa".

"Quella del Pnrr è una sfida epocale a cui la P.A. italiana si affaccia in una situazione critica, dopo anni di disinvestimento: forza lavoro al minimo storico, età media alta, poca formazione e competenze in gran parte giuridico-normative invece che sugli ambiti strategici come digitale e project management - evidenzia Carlo Mochi Sismondi, presidente di Fpa -. Il piano assunzioni è un importante passo avanti per cui è necessario definire attentamente i profili necessari e adeguare rapidamente le procedure di reclutamento per attrarre le persone giuste, come si è già cominciato a fare. Ma non basta. Ora bisogna motivare e valorizzare e formare il personale, diminuire radicalmente la dipendenza della P.A. da esperti esterni, prevedere equi meccanismi di stabilizzazione della forza lavoro temporanea che sarà selezionata, riformare l'ordinamento professionale per favorire una corretta collocazione e adeguata retribuzione per le più elevate professionalità tecniche di cui le amministrazioni sono drammaticamente sprovviste".

"Il Pnrr ha finalmente tracciato le linee guida delle politiche industriali del paese, con una chiara visione di lungo periodo in cui emergono due ambiti prioritari, la trasformazione digitale e lo sviluppo sostenibile, strettamente connessi perché la digitalizzazione oggi rappresenta il più potente motore di crescita sostenibile e inclusiva - afferma Andrea Rangone, Presidente di Digital360 -. Una parte cruciale del programma per la ripartenza passa dalla Pubblica Amministrazione e dalle sue persone: da oggi è necessario lavorare insieme, pubblico e privato, per trasformare gli obiettivi in progetti concreti e moltiplicare le risorse in campo coinvolgendo tutti gli attori nella sfida più importante per il futuro del Paese, quella dell'innovazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come cambierà il pubblico impiego in Italia con il Pnrr

Today è in caricamento