Giovedì, 6 Maggio 2021
Il caso

Quando si potrà tornare al mare? Il governo chiarisce: "Le spiagge sono già aperte, non c'è una legge che le chiuda"

La roadmap presentata giorni fa dall'esecutivo prevedeva la riapertura degli stabilimenti dal 15 maggio, ma secondo il ministro del Turismo Garavaglia gli operatori possono già attivare gli impianti

Foto di repertorio

Quando si potrà tornare in spiaggia? La roadmap presentata dal governo prevedeva la riapertura degli stabilimenti balneari a partire dal 15 maggio, ma nel decreto legge n.52 del 22 aprile approvato dal consiglio dei ministri e pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’argomento non c’è traccia. Come stanno le cose? Rispondendo a una richiesta di chiarimenti degli operatori del settore, il ministro del Turismo Massimo Garavaglia ha spiegato che "non esistono limitazioni per l'accesso alle spiagge. Per questi motivi, l'ultimo decreto del governo non contiene una data di riapertura delle spiagge: in quanto non esiste una legge che le chiuda. Per farla semplice, le spiagge sono aperte; di conseguenza, gli operatori possono attivare gli impianti". Questa dunque la posizione del governo.

Lo scorso 14 aprile, nel corso di un incontro con il sindacato italiano balneari, lo stesso Garavaglia aveva assicurato che gli operatori la stagione sarebbe partita il 15 maggio “sulla base delle linee guida già sperimentate con successo” già lo scorso anno. A quanto pare però non c’è stato neppure bisogno di inserire una norma ad hoc nel decreto.Le spiagge dunque sono aperte, a meno che non siano in vigore provvedimenti restrittivi presi da singoli sindaci o governatori. 

Il decreto legge n-52 del 22 aprile in Pdf

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando si potrà tornare al mare? Il governo chiarisce: "Le spiagge sono già aperte, non c'è una legge che le chiuda"

Today è in caricamento