Sabato, 15 Maggio 2021
Il flop

Pensioni, il de profundis di Quota 100: cosa cambia 

Il flop nei dati del presidente Inps, Pasquale Tridico: ''L'adesione è stata inferiore del 50% rispetto alla stima iniziale''. Il futuro sul fronte pensioni rimane un rebus: ecco tutte le ipotesi sul tavolo

Quota 100 si avvia al congedo definitivo, previsto per il 31 dicembre 2021, con numeri ben al di sotto delle aspettative. La misura che permette di andare in pensione con 62 anni d'età e 38 anni di contributi, introdotta nel gennaio del 2019, non verrà rinnovata per il prossimo anno, anche per lo scarso ''appeal'' riscosso tra i lavoratori che possono accedervi. 

Quota 100, Tridico: ''Adesioni inferiori del 50% rispetto alle stime''

A quantificare il flop di Quota 100 è stato Pasquale Tridico, presidente dell'Inps: "Su quota 100 l'adesione è stata inferiore del 50% rispetto alla stima iniziale. E questo per tutto il periodo, fino ad oggi". Un dato negativo che appare come l'ennesima bocciatura per una misura invisa anche all'Europa e a cui diremo addio a fine anno. Ma cosa succederà dal 2021?

Secondo il presidente dell'Istituto di previdenza sociale, va cambiato il sistema dei pensionamenti:  "Più che pensionamento anticipato per tutti io studierei la possibilità di andare in pensione prima solo per alcune categorie di persone, a cominciare dai lavoratori fragili, immunodepressi, oncologici. Anziché a 63 anni stare in Naspi serve pensare per questi lavoratori ad un allargamento del prepensionamento". 

''La platea d'altra parte - sottolinea Tridico - è circoscritta, non è eccessiva e non mette a rischio nulla; i fragili sono meno di quei 250-300 mila che hanno aderito a quota 100".

Pensioni, cosa succederà dopo Quota 100

Quella di Tridico rimane una proposta, al momento infatti, non esiste una risposta certa sul futuro delle pensioni dopo dicembre 2021, ma ci sono molte ipotesi sul tavolo, nessuna delle quali prevede un rinnovo o un prolungamento di Quota 100.

Senza nessuna novità, l'attuale pensione di vecchiaia prevede il ritiro dal lavoro a 67 anni e un’anzianità contributiva minima di anni 20, e la pensione anticipata senza il vincolo dell’età anagrafica ma con solo il requisito contributivo a 42 anni e 10 mesi per i lavoratori e per le lavoratrici 41 anni e 10 mesi.

Con l'addio a Quota 100, che invece permetteva di uscire dal lavoro a 62 anni (con almeno 38 di contributi), dal primo gennaio ci sarà un ''salto' di cinque anni. Il pensionamento diventerebbe infatti accessibile a 67 anni. Un problema serio che richiede un intervento, ma in che modo?

Sul fronte pensioni circola una ipotesi in queste settimane, ovvero quella di estendere quanto previsto dalla legge Dini per chi ha la pensione calcolata con il regime contributivo, quindi solo chi ha cominciato a lavorare dal 1996 in poi, includendo i lavoratori più anziani che rientrano nel regime misto. Ovvero retributivo fino al 1995 e contributivo dopo. Il sistema contributivo consente il pensionamento a partire da 64 anni ma la pensione maturata deve essere di importo pari ad almeno 2,8 volte l’assegno sociale (circa 1.288 euro al mese).

Quota 92 e Quota 102: le ipotesi

Un'altra proposta, avanzata da Graziano Delrio, è Quota 92: uno scivolo riservato ai lavoratori usuranti, che potrebbero andare in pensione con un minimo di 30 anni di contributi e 62 anni di età. L’introduzione della misura Quota 92 comporterebbe però un taglio di almeno il 3% (forse di più), sull'assegno, con conseguente perdita di denaro da parte dei lavoratori. 

Un'altra strada percorribile potrebbe essere Quota 102, con cui si andrebbe in pensione a 64 anni di età, mantenendo i 38 anni di contributi previsti dalla Quota 100. Potenzialmente interesserebbe una platea di circa 150.000 persone all’anno, che potrebbero lasciare in anticipo il mercato del lavoro, rinunciando però al 5% del trattamento previdenziale "completo" che riceverebbero se restassero al lavoro fino ai 67 anni. Tutte ipotesi che al momento rimangono tali, ma una cosa è certa, entro fine anno il Governo dovrà trovare una soluzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni, il de profundis di Quota 100: cosa cambia 

Today è in caricamento