Venerdì, 19 Luglio 2024
Economia

Redditi, mille euro in più per le famiglie: le previsioni del ministero dell'Economia

Molti aspetti positivi nella prima Relazione del Mef sugli indicatori di benessere equo e sostenibile per il triennio 2018-2020

Il ministero dell'Economia prevede un aumento del 5,5% del reddito disponibile pro capite, cioè il denaro di cui le famiglie dispongono per i consumi, che equivale a un incremento di oltre mille euro l'anno. Le previsioni, riferite al triennio 2018-2020 e contenute nelle relazione sui primi quattro indicatori introdotti in via sperimentale, si legge in una nota del Mef, "restituiscono un quadro incoraggiante". Il reddito calcolato è al netto delle tasse e comprensivo dei servizi, in primis scuola e sanità pubbliche, come indica la prima Relazione sugli indicatori di benessere equo e sostenibile. Un trend positivo, dice il documento, dovuto "non solo alla ripresa economica, ma anche a misure specifiche introdotte negli ultimi anni".

Assegno di ricollocazione, fino a 5mila euro per chi è senza lavoro: come funziona

La disuguaglianza dei redditi "nel 2017 è stimata in riduzione di un punto decimale", con una discesa a 6,2. Nel 2018 l'indicatore mostra un ulteriore miglioramento rispetto al 2017, riducendosi a 6,1 per poi attestarsi a 6 nel biennio successivo 2019-2020", dice poi la relazione. "Si inverte dunque, secondo il Mef, la tendenza all'accentuazione delle disuguaglianze, che è il grave lascito della crisi globale del 2008". La relazione evidenzia poi come la situazione occupazionale sia prevista "evolvere ulteriormente in positivo nel prossimo triennio, attenuando la carenza di opportunità di lavoro e l'esclusione sociale": si stima che l'indicatore prescelto per tale dominio, il tasso di mancata partecipazione al mercato del lavoro, diminuisca al 20,7% nel 2017 e al 18,6% nel 2020.

Tutti i bonus e le esenzioni per chi guadagna mille euro al mese 

Per il tasso di mancata partecipazione al mercato del lavoro, il miglioramento dovrebbe riguardare entrambi i sessi: il tasso maschile dovrebbe infatti portarsi da 17,4% nel 2017 a 15,6% nel 2020, mentre quello femminile scenderebbe da 24,8% nel 2017 a 22,2% nel 2020. "Persisterebbe un gap di genere, ma è previsto in riduzione nel periodo 2017-2020", e "tali andamenti sono ricollegabili non solo alla ripresa dell'economia, ma anche a misure introdotte nel 2017".

Domanda di disoccupazione 2018: requisiti, durata e importo dell'assegno

La relazione del ministero, coerentemente con quanto previsto nel Documento di economia e finanza 2017, evidenzia l'andamento dei primi quattro indicatori introdotti in via sperimentale: il reddito disponibile pro capite, comprendente i trasferimenti in natura dalle amministrazioni pubbliche e dalle istituzioni sociali senza fini di lucro; la disuguaglianza dei redditi (rapporto tra il reddito del quintile più agiato della popolazione e di quello più povero); il tasso di mancata partecipazione al lavoro (un indicatore di esclusione economico-sociale più ampio del tasso di disoccupazione); le emissioni di CO2 e altri gas clima-alteranti nell'atmosfera. Il set di indicatori di benessere equo e sostenibile monitorati e programmati nel ciclo di bilancio - ricorda il Mef - si amplierà in futuro. L'introduzione dei dodici indicatori prevista dal decreto ministeriale pubblicato in Gazzetta ufficiale il 15 novembre 2017 avverrà gradualmente, già a partire dal Def di aprile 2018. Ai primi quattro indicatori già presentati sperimentalmente nel Def del 2017 si aggiungeranno infatti ulteriori indicatori di benessere equo e sostenibile, fino ad arrivare a coprire i dodici indicatori nei prossimi esercizi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Redditi, mille euro in più per le famiglie: le previsioni del ministero dell'Economia
Today è in caricamento