rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Economia

Reddito di cittadinanza, tra beneficiari "spariti" e navigator "in sciopero"

"Un beneficiario su cinque non risponde alle chiamate dei centri per l’impiego". La denuncia dell'assessore al lavoro della Lombardia che spiega "Posti di lavoro? ad oggi zero". E in Campania ancora non sono entrati "al lavoro" neppure i navigator

Il reddito di cittadinanza fa ancora discutere. La misura manifesto del Movimento 5 stelle approvata dal governo gialloverde è ancora lontana dall'essere pienamente applicata. Se da una parte sono circa un milione le domande accolte, la cosiddetta fase due è ancora in fase di stallo.

I beneficiari del sussidio infatti dovrebbero essere chiamati dai centri per l’impiego per sottoscrivere il patto per il lavoro, eppure i problemi non mancano.

Reddito di cittadinanza, i beneficiari non rispondono

Due storie che arrivano dalla Lombardia e dalla Campania ci aiutano a guardare le due facce del problema. Come spiega l'assessore al Lavoro della Regione Lombardia Melania Rizzoli, un beneficiario su cinque non risponde alle chiamate dei centri per l’impiego. "Abbiamo difficoltà a raggiungere le persone. Dal primo aprile le persone ricevono il reddito ma posti di lavoro ad oggi zero”.

“Ci sono errori di registrazione, dati incompleti, persone all'estero - spiega a il Gazzettino - casi di un unico cellulare per più persone, persone domiciliate in Lombardia ma residenti in altre Regioni”.

L'obiettivo dei centri per l'impiego delle province lombarde è quello di raggiungere 23.000 persone entro fine anno. In tutta la Lombardia sono state accolte 80mila domande per il reddito di cittadinanza. E ad oggi mediamente circa il 15-20% delle persone chiamate non hanno risposto al telefono.

Reddito di cittadinanza, lo strano caso della Campania

E se in Lombardia i primi risultati non lasciano ben sperare, in Campania la situazione è a dir poco paradossale. I 471 navigator vincitori del concorso sono stati costretti ad indire uno sciopero della fame per protestare contro la decisione del Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che si è opposto alla firma della convenzione con Anpal.

Niente supporto quindi dei navigator agli operatori dei centri per l’impiego che hanno a che fare con la più ampia platea di beneficiari del reddito di cittadinanza presente in Italia.

E a farne le spese sono anche i beneficiari del reddito di cittadinanza. Che vedono rallentate le proprie pratiche. Con buona pace del contribuente.

esito domande rdc e pensioni di cittadinanza-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza, tra beneficiari "spariti" e navigator "in sciopero"

Today è in caricamento