rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
ECONOMIA

"Il reddito minimo ci costerà 15 miliardi": l'Istat "boccia" la proposta di Grillo

Dopo la proposta fatta dal Movimento 5 stelle adesso arrivano le stime dell'Istat: il costo totale dovrebbe essere di 14,9 miliardi di euro. Soldi che andrebbero alle famiglie in difficoltà

E' sempre stata una delle proposte di punta del Movimento 5 stelle, ma anche altri partiti hanno presentato il proprio progetto per un reddito minimo, che sia garantito oppure di cittadinanza. Il disegno di legge dei grillini era stato anche presentato in Senato: mettere a disposizione e a chi ne avrà i requisiti 780 euro al mese. Ma adesso è arrivato il momento di fare i conti con i dati, che questa volta arrivano direttamente dell'Istat: secondo le stime per poter dar vita al progetto contenuto nel disegno di legge servono circa 14,9 miliardi di euro

REDDITO MINIMO: TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

I dati sono stati presentati direttamente dal presidente dell'istituto Giorgio Alleva nel corso dell'audizione alla commissione Lavoro e previdenza sociale del Senato. La spesa sarebbe destinata a 2 milioni e 759 mila famiglie con un reddito inferiore alla soglia di povertà (10,6% delle famiglie residenti in Italia).

VIDEO: LIBERA E DON CIOTTI CON GRILLO CONTRO LA POVERTA'

Non è la prima volta che l'istituto di ricerca fa una stima rispetto alla proposta di reddito di cittadinanza: nel rapporto annuale il costo totale della misura era stimato in 15,5 miliardi. Il costo minore calcolato è dovuto al fatto che nel 2015 è presente il bonus di 80 euro mensili che, aumentando il reddito disponibile dei cittadini, rinvigorisce anche quello di alcune famiglie che ipoteticamente sarebbero comprese nel provvedimento. 

Don Ciotti e Grillo insieme per il reddito di cittadinanza | Foto da Facebook

L'Istat ha fatto un calcolo anche sull'altra proposta al vaglio del Senato, quella di Sel sul reddito minimo garantito: la cifra arriverebbe a 23,5 miliardi di euro, destinati a tutte le famiglie indigenti, compresi coloro che non hanno la cittadinanza italiana. I non poveri - spiega l'Istat - e le famiglie con un reddito superiore all'80% della linea di povertà relativa non avrebbero alcun beneficio. Le famiglie beneficiarie sarebbero circa 1 milione e 960 mila, pari al 7,5% della popolazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il reddito minimo ci costerà 15 miliardi": l'Istat "boccia" la proposta di Grillo

Today è in caricamento