Sabato, 17 Aprile 2021
Reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza, cosa cambia con il Governo Lega-5 Stelle

Di Maio non si sbilancia: "Sul reddito non faccio annunci". Ma il nuovo ministro dell'Economia, Giovanni Tria, si era dimostrato abbastanza tiepido sul provvedimento

Il "super ministro" Luigi Di Maio

Il reddito di cittadinanza si avvicina? È ovviamente ancora presto per dire quando (e se) verrà introdotto il sussidio di disoccupazione promesso dai 5 Stelle. Per ora il "super ministro" Luigi Di Maio ("super" in quanto oltre al dicastero del Lavoro è titolare anche dello Sviluppo) non si sbilancia.

"È una grandissima giornata", ha detto il neo ministro intercettato da Repubblica tv nei pressi della sua abitazione romana. “Ci mettiamo al lavoro per creare lavoro, per chi non ce l'ha, per gli imprenditori, per i professionisti. A quando il reddito di cittadinanza? Non faccio annunci".

Insomma, per ora - e anche giustamente - nel M5s preferiscono essere cauti e non fare promesse scritte sull’acqua. Del resto prima di introdurre il reddito di cittadinanza ci sarà da mettere mano ai centri per l’impiego – questa almeno dovrebbe essere la road map -  e dunque i tempi potrebbero allungarsi.

Reddito di cittadinanza, le possibili novità dopo la nomina di Tria all’Economia

Quanto alla sostanza del provvedimento, il neo ministro dell’Economia Giovanni Tria non sembra essere troppo d’accordo con l’idea di un reddito di base universale. O meglio: il reddito di cittadinanzaspiegava l’economista in un articolo uscito di recente su Formiche.net - non è "in contrasto pregiudiziale con una politica orientata alla crescita" a patto però che per reddito di cittadinanza si intenda "una indennità di disoccupazione un poco rafforzata" e non "un provvedimento, improbabile, tale da configurare una società in cui una parte della popolazione produce e l’altra consuma".

Tutta la verità sul reddito di cittadinanza: non sarà di 780 euro per tutti

Anche riguardo agli interventi di spesa contenuti nel contratto di governo Tria si era dimostrato cauto: "Con tutto il rispetto per le competenze riunite intorno al tavolo politico delle trattative - scrive - le norme attuative dei propositi si dovranno scrivere con le competenze istituzionali in grado di misurare effetti di bilancio e coerenze legislative di sistema. E in genere la realtà delle cifre ridimensiona spesso la visione".

Dalle pensioni alla flat tax, le prime 8 mosse del governo

Ovviamente si tratta di affermazioni antecedenti alla sua nomina a ministro: utili dunque a farsi un’idea generale sulle idee che potrebbero guidare la sua politica economica, ma non certo da prendere alla lettera. Lecito infatti immaginare che il M5s farà di tutto per portare a casa un provvedimento visto ormai – a torto o a ragione – come una bandiera del Movimento. Il difficile sarà far tornare i conti. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza, cosa cambia con il Governo Lega-5 Stelle

Today è in caricamento