Reddito di cittadinanza, ecco come agiscono i furbetti

Altri quattro casi segnalati in Sicilia: la dinamica sembra essere sempre la stessa

Foto di repertorio

Furbetti del reddito di cittadinanza, ci risiamo. Dopo gli otto casi segnalati in Sardegna la scorsa settimana, altri quattro illeciti sono stati scoperti dall’ispettorato del lavoro a Salina, nell’arcipelago siciliano delle Eolie. Si tratta di quattro persone, che nonostante usufruissero del reddito di cittadinanza, lavoravano "in nero" in una struttura alberghiera.

Reddito di cittadinanza, così barano i "furbetti"

Secondo MessinaToday sarebbero 31 i furbetti del reddito di cittadinanza scoperti in Sicilia dalla partenza del provvedimento ad oggi. E nei casi finora riscontrati, la dinamica è sempre uguale: la moglie disoccupata va al Caf e fa richiesta del reddito di cittadinanza per l’intero nucleo familiare, mentre il marito continua (o inizia) a lavorare in nero. In questo modo il nucleo familiare usufruisce di un doppio reddito. Il rischio però è molto alto: incappare in un controllo della finanza può costare da 1 a 6 anni di carcere. 

Il record dei furbetti, considerando la sola Sicilia, spetta a Palermo con undici casi. L’ultimo nei giorni scorsi, un trentenne che lavorava in nero per una ditta di pulizie. 

Reddito di cittadinanza, volontari scatenati

Ma nel capoluogo siciliano ci sono anche degli esempi positivi che ci sembra doveroso valorizzare. Si tratta di quei beneficiari del reddito di cittadinanza che anziché stare a casa sul divano hanno deciso di rendersi utili. Peraltro non è la prima volta che a Palermo i beneficiari del sussidio si rimboccano le maniche: è successo ad esempio agli inizi di giugno, quando dieci volontari si sono dati appuntamento in piazza Ventimiglia per bonificare l'area dai rifiuti. Ed è accaduto di nuovo un paio di settimane fa, quando una suora ha chiesto il loro intervento per pulire il chiostro del convento di Santa Teresa.

Da allora i volontari non si sono più fermati e hanno ripulito la maggior parte delle strade dei quartieri Zisa e Noce. L’ultima segnalazione è arrivata proprio oggi da via dei Mille: armati di paletta e ramazza i percettori del reddito hanno raccolto cartacce, bottiglie e rimosso i rifiuti. Si tratta ovviamente di volontariato, non di progetti collegati formalmente al reddito dal momento che i lavori di pubblica utilità devono ancora partire. Ma quel che conta è la voglia di questi 'ragazzi' (giovani e meno giovani) di dare una mano e rimettersi in gioco.

Reddito di cittadinanza, domanda a sua insaputa

Reddito di cittadinanza: obblighi, paletti e requisiti. Le "novità" spiegate dall'Inps

reddito di cittadinanza ansa archivio-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 13 al 19 gennaio 2020

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere

  • Busta paga più ricca da luglio: cambia anche il bonus Renzi, gli 80 euro diventano 100

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di sabato 11 gennaio 2020

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

Torna su
Today è in caricamento