Venerdì, 19 Luglio 2024
Economia

Rei, a che punto sei? Come sapere quando arriverà il sussidio

L'Inps ha attivato il servizio “Stato domanda Rei” che consente ai contribuenti di conoscere lo stato di avanzamento della richiesta: ecco come funziona 

Tra Def e Manovra si parla sempre più spesso del reddito di cittadinanza, il sussidio contro la povertà che il governo Lega-M5s ha intenzione di introdurre nella prossima legge di Bilancio. Ma in attesa di capire quando e come questa misura andrà a regime, è ancora operativo un altro strumento per combattere la povertà: il Rei, reddito di inclusione. Il sussidio riguarda una platea di circa 2,5 milioni di persone, ma una volta presentata la domanda all'Inps, come si fa a sapere quando arriverà?

In soccorso dei contribuenti arriva proprio l'Istituto di Previdenza, che ha attivato un servizio per conoscere lo stato di avanzamento della domanda che si chiama “Stato domanda Rei”. Tramite questo servizio l'utente può verificare lo stato della sua domanda del Reddito di Inclusione componendo il numero 803 164, gratuito da telefono fisso e il numero 06 164 164 da cellulare.

Tutti coloro che hanno presentato domanda per percepire il Rei e sono in attesa di ricevere i pagamenti possono contattare il Contact Center Inps ed esprimere, in risposta alla voce registrata dell’agente virtuale che chiede a quale dei servizi l’utente è interessato, la necessità di consultare una propria domanda.

Reddito di inclusione, come richiedere la Carta REI per ricevere l'accredito

Il servizio automatico chiederà all’utente i propri dati anagrafici (nome, cognome e data di nascita) e l’identificativo della pratica presentata. In modo semplice e rapido, il sistema comunicherà all’utente lo stato di lavorazione della pratica e fornirà informazioni relative alla consultazione dei pagamenti.

Rei: chi può richiederlo

Dal primo luglio non è più necessario avere in famiglia almeno un minore, un disabile, una donna in stato di gravidanza o un disoccupato over 55 per ottenere il sussidio. Con i criteri precedenti la platea potenziale era di circa 500.000 famiglie per 1,8 milioni di persone e ora si estenderà passando a 700.000 nuclei per un totale di 2,5 milioni di persone.

I requisiti necessari per chiedere il reddito di inclusione a partire dal 1° giugno sono ora infatti solo economici:

  • soglia Isee fino a 6.000 euro;
  • soglia ISRE fino a 3.000 euro, per la parte patrimoniale;
  • Patrimonio immobiliare: la soglia è sotto 20mila euro al netto dell'abitazione principale;
  • Patrimonio mobiliare: come conti correnti, depositi ecc se superiori a 10 mila euro.
  • Reddito di inclusione al via, stanziati 300 milioni: requisiti e importi 

Rei, come fare la domanda

Dal 1° giugno è possibile presentare domanda, con l'accredito che verrà erogato dall'Inps tramite una carta prepagata di Poste Italiane. Tra le altre novità, c'è anche un aumento dell'importo per i nuclei familiari composti da almeno 5 membri, che passa da 485,41 euro a 534 euro.  Per avere il Rei bisogna presentare domanda presso gli uffici del Comune di residenza. Sul sito dell'Inps è disponibile il modulo da usare per fare la richiesta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rei, a che punto sei? Come sapere quando arriverà il sussidio
Today è in caricamento