Giovedì, 5 Agosto 2021
Economia

Tari illegittima, che caos: è tutto pronto ma i rimborsi non partono

Il modulo per la richiesta è già online e il sistema è stato predisposto, ma gli indennizzi non sono ancora partiti: restano da sciogliere i nodi sul calcolo dei rimborsi e il loro finanziamento

Foto di repertorio

Migliaia di italiani sono in attesa del rimborso della Tari illegittima pagata per garage, cantine e altre pertinenze. Ma mentre il modulo è stato già pubblicato online e il sistema sembra sia funzionante, al momento è tutto fermo. Il motivo? Ci sono ancora due nodi da chiarire: il calcolo dei rimborsi e il loro finanziamento.

Come ottenere il rimborso della Tari

Come spiega anche il Sole 24 Ore, i rimborsi dovrebbero essere distribuiti su tutte le utenze, visto che il gettito della Tari finanzia il costo integrale del servizio, che non può essere coperto con fondi alternativi. Questo vuol dire che se c'è qualcuno che ha pagato di più negli ultimi anni, esiste anche qualcuno che ha pagato meno del dovuto. Per questo motivo i rimborsi, che dovrebbero ammontare ad una cifra intorno ai 48 milioni di euro, dovrebbero essere chiesti a tutti gli utenti, anche quelli da rimborsare.

rimborsi-tari-2

(Infografica del Sole 24 Ore del 9 dicembre 2017)

Che caos

Il Governo ha già detto 'no' ad un aumento della tassa nei prossimi anni, quindi l'ipotesi più probabile sarebbe quella di togliere dai rimborsi i conguagli da presentare a tutti per pareggiare il conto. Per quanto riguarda l'indennizzo automatico, i sindaci lo hanno già annunciato, ma al momento è inattuabile: ad oggi i Comuni non sono in possesso dei dati per collegare abitazioni e garage pertinenziali con classamento catastale autonomo. Un 'pasticciaccio brutto' tutto all'italiana, che sembra ancora lontano da una soluzione.

modulo-rimborso-tariffa-rifiuti-2-1-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tari illegittima, che caos: è tutto pronto ma i rimborsi non partono

Today è in caricamento