rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Anni preziosi

Inps: riscatto della laurea, che cos'è e a cosa serve

Il presidente dell’INPS Tridico propone riscatto della laurea a costo zero per tutti i lavoratori. Cos’è, a cosa serve e come funziona

Ottobre caldo sul fronte delle pensioni, con la nuova formula Quota 102 che potrebbe prendere il posto di Quota 100 a far data dal 1° gennaio 2022, a seguito della sua scadenza naturale e della decisione di non rinnovare la misura per gli anni a venire perché troppo costosa.

Si parla anche di modifiche al riscatto del corso di laurea, con il presidente dell’INPS, Pasquale Tridico, che durante un intervento alla commissione Lavoro della Camera ha proposto un riscatto a costo zero per tutti i lavoratori.

Cos’è, a cosa serve e come funziona il riscatto della laurea?

Riscatto della laurea: a chi è rivolto e quanto costa

Per accorciare il tempo che separa un lavoratore dalla pensione c’è una grandissima opportunità da tener presente: il riscatto del corso di laurea, ossia un istituto che a fronte del versamento di un onere permette di incrementare i periodi utili per approssimarsi alla pensione.

Al momento il riscatto della laurea è interamente a carico del dipendente, con costi per quello agevolato che partono dai 21-26 mila euro a seconda che il corso di studi effettuato sia stato di 4 o 5 anni. Il riscatto ordinario, invece, può superare anche i 100 mila euro. Da considerare che il riscatto può riguardare tutto il corso di studi universitario oppure singoli periodi.

A chi è rivolto? Il riscatto del corso di laurea è un servizio che interessa  solo chi ha conseguito il diploma di laurea o un titolo equiparato. “La facoltà è esercitabile anche dai soggetti inoccupati che, al momento della domanda, non risultino essere stati mai iscritti ad alcuna forma obbligatoria di previdenza e che non abbiano iniziato l'attività lavorativa in Italia o all’estero”, specifica l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Il pagamento può avvenire in un’unica soluzione oppure con un massimo di 120 rate mensili, senza interessi.

Simulatore INPS per conoscere vantaggi riscatto laurea

Quali saranno gli effetti del riscatto del corso universitario di studi sulla futura pensione? È semplice, l’INPS ha messo a disposizione di tutti sul proprio sito internet un simulatore per conoscere, inserendo pochi dati anonimi, quali possibili vantaggi fiscali deriveranno dal pagamento del riscatto della laurea.

Il servizio INPS offre anche una simulazione orientativa del costo del riscatto, della sua rateizzazione, della decorrenza della pensione (con e senza riscatto) e del beneficio pensionistico stimato conseguente al pagamento dell’onere.

Accedendo al sito Inps con le proprie credenziali si potrà proseguire nell’approfondimento del servizio, con il calcolo che avverrà sulla base dei dati dell’utente presenti negli archivi dell’INPS (contribuzione versata, periodi lavorati, etc.). Sempre da lì, l’utente interessato potrà decidere se inoltrare la domanda di riscatto all’Istituto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inps: riscatto della laurea, che cos'è e a cosa serve

Today è in caricamento